Contenuto sponsorizzato

Grave scontro sulla Sp 34: due auto finiscono fuori strada, tre feriti trasportati in codice rosso all’ospedale

L’incidente è avvenuto poco dopo le 19e30 di ieri, all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale 34. Nello scontro sono rimasti coinvolti due veicoli, il ferito più grave risulta essere un 33enne

Pubblicato il - 17 novembre 2019 - 13:44

TIONE. Grave scontro, nella serata di ieri intorno alle 19e30, lungo la strada provinciale 34 dove due auto si sono urtante violentemente finendo entrambe fuori strada.

 

Forse, ma quest’ipotesi è tutta da verificare, alla base dell’incidente ci sarebbe una mancata precedenza, infatti lo scontro è avvenuto all’altezza di un incrocio che permette di immettersi nella Strada provinciale.

 

Sul posto sono intervenute le ambulanze di Trentino emergenza e della Croce rossa, assieme alla polizia locale delle Giudicarie e ai vigili del fuoco di Tione.

 

Il personale sanitario è intervenuto per stabilizzare i feriti, tre persone in tutto, il più grave sarebbe un 33enne trasportato in codice rosso all’ospedale di Tione. Stando alle prime informazioni nessuna delle tre persone coinvolte sarebbe in pericolo di vita.

 

Dopo aver effettuato i rilievi di rito, la polizia locale sta vagliando le varie ipotesi per cercare di ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto.  

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:53

Sono stati analizzati 3.403 tamponi, 179 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,3%. Il bilancio è di 201 morti in questa seconda ondata

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato