Contenuto sponsorizzato

Ha un mandato di arresto europeo ma trascorre Pasqua in hotel al lago di Caldaro, la polizia ferma un 71enne

Il 71enne svizzero era destinatario di un mandato di arresto europeo per il reato di truffa aggravata, provvedimento emesso dalle autorità austriache

Pubblicato il - 24 aprile 2019 - 10:50

BOLZANO. Era stato colpito da un mandato di arresto europeo ma durante Pasqua aveva deciso di andarsene in una nota struttura ricettiva nei pressi del lago di Caldaro.

 

Ad individuarlo sono stati gli agenti della questura di Bolzano che dopo aver raggiunto la struttura sono riusciti a bloccare il 71enne svizzero destinatario di un mandato di arresto europeo per il reato di truffa aggravata, provvedimento emesso dalle autorità austriache.

 

Il cittadino svizzero è stato quindi associato alla locale Casa Circondariale e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria la quale dovrà decidere in ordine alla sua estradizione verso l’Austria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 06:01

L'assessora conferma: ''Abbiamo chiesto all'azienda una valutazione sulla nuova organizzazione. E' necessario capire i risultati della sperimentazione per eventualmente rimodulare e rivalutare i modelli''. E in Apss si pensa a dove recuperare risorse. Primo tema da discutere i punti nascita periferici a fronte di cronicità e vecchia veri temi del prossimo futuro

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

24 maggio - 15:52

Sul retroscena svelato oggi da Il Dolomiti i consiglieri provinciali Filippo Degasperi e Giorgio Tonini hanno già presentato due interrogazioni. "Dalla Giunta dichiarazioni confuse''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato