Contenuto sponsorizzato

I topi rosicchiano alcuni cavi di internet e mandano in tilt quasi un'intera provincia

E' successo a Belluno. Ieri i primi disagi si sono avvertiti nelle prime ore della mattina con problema agli uffici postali, regionali, all'uls e a diversi cittadini privati. Solo in serata la situazione è ritornata alla normalità

Pubblicato il - 05 giugno 2019 - 09:09

BELLUNO. Telefoni, stampanti, internet e tutto quello che ha a che fare con la fibra ottima è andato ko. E' successo a Belluno dove usl, agenzia delle Entrate, uffici postali e moltissimi cittadini privati si sono trovati senza la possibilità di usare dispositivi collegati ad internet.

 

I primi disservizi si sono avuti alla mattina estendendosi poi a macchia d'olio. In molti si sono chiesti cosa fosse successo.

 

I tecnici si sono subito messi al lavoro e hanno immediatamente individuato i 'colpevoli'. Si tratta di alcuni roditori che, forse pensando fosse del formaggio, se la sono presa con i cavi di Fastweb posizionati tra le vie Caduti 14 settembre 1944 e Dolomiti di Ponte nelle Alpi.

 

I topi non ci hanno pensato molto a distruggere i fili provocato una vera e propria eclissi digitale che ha paralizzato l'intera zona con tanto di uffici e servizi bloccati. Solo nel tardo pomeriggio di ieri la situazione è tornata alla normalità. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato