Contenuto sponsorizzato

Il padrone ruzzola dal sentiero, il cane Poldo torna dalla moglie dell'uomo e fa scattare l'allarme. Salvato dal soccorso alpino

E' la storia di un salvataggio al quale hanno partecipato in tanti. L'uomo, un 82enne, si è procurato un trauma al ginocchio mentre percorreva la gola della Soffia. Il cane dopo aver fatto scattare l'allarme è tornato sul luogo dell'incidente ed è stato recuperato dai soccorritori

Pubblicato il - 27 giugno 2019 - 20:33

SOSPIROLO. A dare l'allarme c'ha pensato il cane Poldo che poi è voluto tornare dal padrone infortunato rischiando di perdersi a sua volta. Il suo amico umano, infatti, era caduto da uno dei sentieri che costeggiano la gola della Soffia (nella zona di Sospirolo) ed era rimasto bloccato per un forte trauma al ginocchio. Il cane, allora, ha ripercorso indietro la strada fatta e ha raggiunto la moglie dell'uomo la quale è tornata al bar più vicino e ha chiesto aiuto.

 

E' la storia di un salvataggio quella andata in scena mercoledì 26 giugno alla quale hanno partecipato in tanti: dal cane alla moglie del ferito, dal personale dei soccorsi a un volontario del soccorso alpino di Feltre. Proprio quest'ultimo si trovava al bar da dove è partito l'allarme e ha cercato di anticipare i tempi risalendo il sentiero. Ha, quindi, trovato l'uomo, un 82enne un centinaio di metri sopra la cascata. L'anziano probabilmente uscito dalla traccia, era ruzzolato nella scarpata laterale procurandosi un grande dolore al ginocchio, per poi riuscire a trascinarsi nuovamente a monte.

 

Una squadra del Soccorso alpino di Belluno, sopraggiunta nel frattempo, li ha raggiunti (praticamente impossibile comunicare via radio e col cellulare) e ha immobilizzato la gamba all'infortunato. Dopo averlo imbarellato, i soccorritori hanno attrezzato un paio di tratti con le corde per assicurare il passaggio sul terreno molto ripido, sono scesi fino a bordo lago e da lì hanno proseguito fino alla strada per il rendez vous con l'ambulanza.

 

Il cane dell'uomo, un meticcio di nome Poldo, che nel trambusto si era spaventato ed era scappato tornando verso il luogo dell'incidente, è stato ritrovato da uno dei soccorritori e riportato a valle. L'intervento si è concluso alle 22.20 circa. Pronta a intervenire anche una squadra del Gruppo forre del Soccorso alpino e speleologico Veneto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 17:40

Sono stati analizzati 3.955 tamponi, 219 i test risultati positivi. Cala il numero delle persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri e in terapia intensiva

28 novembre - 18:25

La Provincia si è mossa per aprire nuove strutture Covid: Dro, Tione, Ala e San Vendemiano. Il nuovo focolaio riguarda la Rsa di "San Giuseppe" Primiero 

28 novembre - 18:17

Attualmente terapie intensive e capienza degli ospedali trentini superano la soglia critica del 40%, il primario della terapia intensiva di Rovereto: “L’aiuto può venire anche dalla popolazione che, rispettando le regole, può aiutarci a evitare di dover espandere continuamente l’ospedale per accogliere i pazienti Covid”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato