Contenuto sponsorizzato

La Gardesana Orientale tra le dieci strade più pericolose d'Italia per i motociclisti: ''L'80% degli incidenti, qui, coinvolgono centauri''

La classifica stilata dal portale TrueRiders. La più pericolosa in assoluto è Strada Statale 11 – Padana Superiore che ha fatto registrare 1 incidente ogni chilometro nel 2017. La Ss249 è tra quelle più rischiose con il tratto tra Malcesine e Torbole considerato il peggiore

Pubblicato il - 03 novembre 2019 - 11:16

RIVA DEL GARDA. E' il tratto tra Malcesine e Torbole quello considerato ''il più pericoloso'' ''vista la presenza di gallerie poco illuminate''. Ed è anche per questo che la Gardesana Orientale, quella che costeggia, appunto, la sponda orientale del lago di Garda è considerata tra le 10 strade più pericolose d'Italia per i motociclisti. A stabilirlo TrueRiders uno dei portali di riferimento dei motociclisti che svela percorsi, informazioni e notizie, eventi e motoraduni degli appassionati di due ruote. Il sito spiega che ''viaggiare in moto ha i suoi rischi: su 100 veicoli coinvolti in incidenti stradali, quelli fatti in moto hanno un indice di mortalità di 3,8 superiore rispetto ad altri mezzi''.

 

E allora ecco che se le strade urbane vengono considerate ''una vera e propria giungla per i motociclisti'' quelle extra-urbane, scrive il portale, sono rese pericolose per i centauri ''soprattutto dalla circolazione di mezzi pesanti''. L'impatto con un camion o un autoarticolato, infatti, si rivela il più delle volte fatale. Ecco dunque dieci strade considerate tra le più pericolose in Italia tra le quali figura anche quella che risale lungo il lago di Garda da Valeggio sul Mincio verso Peschiera, per per raggiungere Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Malcesine. Da quel punto in poi comincia il tratto considerato il più pericoloso, in Trentino, fino a Torbole. Poi un piccolo innesto nella Ss240 all'altezza del Sarca e di Linfano e di nuovo 249 fino ad Arco.
 

 

Ecco qual è la top ten secondo TrueRiders

 

 

 

Strada Statale 1 – Aurelia

Questa strada collega Roma fino al confine francese: nel panoramico tratto ligure che attraversa la Riviera di Levante, si susseguono curve, tornanti, gallerie e tratti in pendenza che seguono l’andamento del terreno.

Strada Statale 249 – Gardesana Orientale

L’80% degli incidenti stradali che si verificano lungo la Gardesana Orientale coinvolgono veicoli su due ruote. Il tratto in particolare tra Malcesine e Torbole è considerato il più pericoloso, vista la presenza di gallerie poco illuminate.

Strada Statale 145 – Sorrentina

La strada collega l’A3 alla penisola sorrentina, ma solo in parte è a scorrimento veloce. Le gallerie Privati e Varano sono i tratti più rischiosi, assieme ai tornanti presenti che seguono il bivio per Vico Equense.

Strada Statale 667 – Tosco Romagnola

Rappresenta uno dei più importanti collegamenti del Paese e attraversa città quali Pisa, Firenze e Forlì. Il tratto del Passo del Muraglione solca una parte di Appennino e presenta numerosi tornanti e pendenze.

Strada Statale 222 – Chiantigiana

Tra Firenze e Siena si snoda questo tratto stradale tra cantine, vitigni e pievi. Oltre al manto stradale dissestato, verso Radda e Pietrafitta la pendenza raggiunge il 15%.

Strada Statale 172 – Statale dei Trulli

Nota come “Statale dei Trulli”, attraversa la Valle d’Itria e i comuni di Locorotondo, Alberobello e Martina Franca. Il tratto tra Fasano e la Selva è particolarmente rischioso per la carreggiata stretta e manto stradale sconnesso.

Via Casilina

La segnaletica insufficiente e le buche presenti rendono questa strada, che collegava Roma al porto fluviale di Casilinum, tra le più letali d’Italia, soprattutto per i motociclisti che circolano di notte.

Strada Statale 11 – Padana Superiore

La strada ripercorre le orme dell’antica Via Gallica e attraversa le regioni di Lombardia, Veneto e Piemonte. Nel 2017 è stata dichiarata la strada più pericolosa d’Italia, con 1 incidente ogni chilometro.

Strada Statale 16 – Adriatica

1540 km collegano Padova a Otranto e, nonostante sia frequentatissima, non è una via a scorrimento veloce. La zona costiera adriatica è molto urbanizzata e molti sono gli svincoli che si immettono sulla SS16.

Strada Statale 9 – Via Emilia

Tra le più insidiose strade d’Italia, la SS 9 collega San Donato Milanese a Rimini. Particolarmente ostico il tratto parmense, visti i limiti di velocità non rispettati, la segnaletica insufficiente e le strisce pedonali non opportunamente indicate.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato