Contenuto sponsorizzato

La merce sequestrata data ai più bisognosi, il "regalo natalizio" dei carabinieri alla parrocchia

La merce, profitto di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito, destinata ai più bisognosi. Il parroco ringrazia la Stazione di Levico per il dono

Pubblicato il - 31 December 2019 - 09:05

LEVICO TERME. Capi firmati, orologi di pregio, accessori wireless per cellulari ed un iPhone, di ultima generazione, per un valore di alcune migliaia di euro. Tutta merce, profitto di indebito utilizzo e falsificazione di carte di credito, che i carabinieri della stazione di Levico della compagnia di Borgo Vasugana hanno deciso di destinare ai più bisognosi rivolgendosi al parroco della comunità di Levico Terme.

 

Tutto è partito un anno fa, con l’indagine “FreePay”, messa a segno dai carabinieri di Levico e diretta dalla Procura dei Minori di Trento, che ha permesso di interrompere acquisti di commercio elettronico, fatti con carte di credito clonate, con il coinvolgimento tra le vittime, anche di diversi istituti di credito.

 

I carabinieri hanno rintracciato e sequestrato alcuni capi firmati, orologi di pregio, accessori wireless per cellulari ed un iPhone, di ultima generazione, per un valore di alcune migliaia di euro.

 

In questi casi la Legge consente che la confisca porti all’acquisizione del bene a favore della forza di polizia operante, ma per spirito di servizio e solidarietà, i carabinieri hanno chiesto al Presidente del Tribunale dei Minori di Trento, di donare tutto il materiale confiscato alla Parrocchia del SS. Redentore di Levico Terme, per la consegna ai più bisognosi.

 

Il parroco di Levico ha ringraziato l’Arma per la sensibilità, porgendo ai militari i migliori auguri di serene festività natalizie -da trascorrere anche in servizio- condividendo lo spirito che oltre un secolo fa assegnò all’Istituzione il titolo di “Benemerita”.

 

Fortunatamente sopravvive intonso lo spirito di proficua collaborazione tra i militari della Compagnia di Borgo Valsugana e la parrocchia di Levico, nell’intento di proteggere le fasce deboli e in maggiore difficoltà, esaltando il senso del servizio per l’Istituzione, a favore dei cittadini.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 ottobre - 20:33
L'assessore all'Istruzione della Provincia di Trento spiega: "In Trentino partiamo con il dire che abbiamo una situazione meno marcata rispetto [...]
Cronaca
19 ottobre - 20:51
Mentre nei Paesi più poveri del mondo le dosi continuano a scarseggiare, in Italia, dove i vaccini non mancano, sono molte le persone a [...]
Politica
19 ottobre - 19:57
La discussione si è accesa sulla dichiarazione di inammissibilità di alcuni emendamenti di Alex Marini e sulla non volontà di Masè di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato