Contenuto sponsorizzato

La strada è sbarrata dagli alberi schiantati e ruzzola per trenta metri nel greto del rio

E' successo intorno alle 14.30 sopra l'abitato di Canzolino nel Comune di Pergine. E' il secondo caso in pochi giorni che vede il Soccorso alpino in azione a causa degli effetti dell'ondata di maltempo di fine ottobre

Foto di Marco Lazzeri
Pubblicato il - 22 gennaio 2019 - 17:37

PERGINE. Una donna stava passeggiando lungo la strada forestale sopra l'abitato di Canzolino, quando è scivolata per una trentina di metri e ruzzolare sul greto di un rio ghiacciato.

 

E' successo intorno alle 14.30, la donna ha cercato di evitare alcuni alberi schiantati nel corso dell'ondata di maltempo, ma è finita su un terreno gelato.

 

A quel punto l'escursionista è scivolata a terra per cadere una trentina di metri. Una corsa che si è fermata nel corso d'acqua. E' stata la stessa donna a lanciare l'allarme al Numero unico per le emergenze. 

 

Immediato l'intervento del Soccorso alpino area Trentino centrale e sul posto si è portata una squadra di terra.

 

Vista però l'importanza della caduta, le unità di soccorso hanno preferito far intervenire anche l'elicottero.

 

Il personale medico ha stabilizzato e imbarellato la ferita, quindi l'ha verricellata a bordo del velivolo per il trasporto all'ospedale Santa Chiara di Trento

 

E' già il secondo caso nel giro di una settimana, che il Soccorso alpino deve intervenire per escursionisti bloccati a causa degli alberi schiantati.

 

A Molina di Fiemme, un uomo era stato recuperato Lagorai, dopo che aveva perso orientamento e sentiero (Qui articolo). 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 agosto - 06:01

Il fil rouge di questa vicenda è un giovane che alle sue diverse fidanzate, nel tempo, riserva lo stesso trattamento fatto di botte, insulti pesantissimi e disagi che, in molti casi, si sono trasformati in denunce e ammonimenti. Dopo che sono arrivati gli arresti domiciliari ora per il ragazzo ci sarà il processo e anche sul suo futuro genitoriale la parola passa alla magistratura 

17 agosto - 19:21

Dopo l'azione degli Schützen di ieri, che hanno coperto i nomi tedeschi in 600 cartelli per denunciare l'ingiustizia della non ufficialità dei toponimi tedeschi, la questione torna al centro del dibattito. Delle Donne: "E' meramente politica, fu l'Svp a non renderla ufficiale". Klotz: "Si vuole dare valenza istituzionale a nomi fascisti e inventati. L'azione degli Schützen evidenzia l'ingiustizia"

17 agosto - 20:11

E' successo questo pomeriggio attorno alle 17. Sul posto i vigili del fuoco. E' stato necessario il sorvolo dell'elicottero con il geologo per verificare la situazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato