Contenuto sponsorizzato

"Le Iene" condannate a pagare 60mila euro all'ex parlamentare Svp Zeller

L'oggetto della sentenza riguarda la denuncia arrivata dall'ex parlamentare dopo il servizio andato in onda nel 2016 dal titolo «Chi paga la segretaria del senatore Zeller»

Pubblicato il - 12 aprile 2019 - 09:41

BOLZANO. Filippo Roma e Gabriele Paglino de "Le Iene" e Pier Silvio Berlusconi quale presidente di Reti Televisive Italiane S.p.a. sono stati condannati dal tribunale di Bolzano al pagamento di 60 mila euro all'ex senatore della Svp, Karl Zeller, come risarcimento per i danni causati dal servizio andato in onda a marzo 2016 dal titolo «Chi paga la segretaria del senatore Zeller».

 

Nel servizio realizzato dalle Iene veniva denunciato il fatto che il senatore Svp Karl Zeller stava pagando con i fondi del gruppo parlamentare la segretaria che invece di essere a Roma lavorava nel suo studio di avvocato.

 

Immediata la denuncia da parte del parlamentare che è riuscito poi  successivamente a dimostrare come in realtà, la segretaria aveva lavorato a Roma per il gruppo fino al 2014 ma successivamente era stata riassunta nello studio legale pur mantenendo una collaborazione ridotta con il gruppo delle autonomie.

 

Da qui ora la decisione da parte del tribunale di Bolzano di condannare Pier Silvio Berlusconi, Filippo Roma e Gabriele Paglino.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato