Contenuto sponsorizzato

Le scuole consegnano gli skipass, ma i bambini se li scambiano e creano un mercato dei buoni omaggio

Un'iniziativa che rientra nel progetto scuola-sport per incentivare l'avvicinamento allo sci dei più piccoli sull'alpe di Trento. Non tutti i bimbi e ragazzi però sciano o sono interessati a scoprire questa disciplina, così alcuni genitori e studenti si sarebbero organizzati per non perdere comunque la possibilità di trascorrere una giornata sulle piste del Bondone in famiglia

Pubblicato il - 23 febbraio 2019 - 12:11

TRENTO. I bimbi di una volta si scambiavano le figurine, quelli di oggi i buoni per lo skipass giornaliero. Nei giorni scorsi i bambini e ragazzi di Trento, Aldeno, Cimone e Garniga Terme che frequentano le scuole elementari e medie hanno ricevuto in omaggio dall'amministrazione comunale un buono per lo skipass giornaliero sul Bondone.

 

Un'iniziativa che rientra nel progetto scuola-sport per incentivare l'avvicinamento allo sci dei più piccoli sull'alpe di Trento. Non tutti i bimbi e ragazzi però sciano o sono interessati a scoprire questa disciplina, così alcuni genitori e studenti si sarebbero organizzati per non perdere comunque la possibilità di trascorrere una giornata sulle piste del Bondone in famiglia.

 

Una situazione che ha indotto la società impianti Trento Funivie a prendere posizione attraverso un post su Facebook. "Un'iniziativa - crediamo apprezzata - per regalare una giornata sulla sci. Ci comunicano però che si stanno verificando molti abusi ed un vero e proprio "mercato" di tali buoni, sia a scuola che sui social network".

 

Un risparmio comunque minimo. Lo skipass giornaliero per i bambini costa 18 euro da listino, mentre il ragazzino fino a 8 anni, se accompagnato da un adulto pagante (prezzo di 36 euro da listino), può sciare gratuitamente. Questo senza dimenticare le tante formule per agevolare le famiglie, i residenti e l'iniziativa ski family in Trentino, che permette di scendere in pista senza costi per i minorenni, basta il ticket dei genitori.

 

Insomma, si tratta più del rispetto verso le istituzioni, amministrazioni comunali e Trento Funivie, che finanziano e promuovono questa iniziativa. Le regole sono poche e semplici: "Il buono - conclude la società su Facebook - è omaggiato all'alunno, personale e non cedibile, può essere utilizzato una sola volta e chi è in possesso di stagionale non può usufruirne nè cederlo a terzi".

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 18:41

Il presidente della Provincia rincara la dose dopo quanto accaduto ieri sera e annuncia segnalazioni per chi è entrato dalle porte laterali. Porte che erano aperte per un incontro pubblico con cittadinanza invitata. La ricostruzione delle associazioni che hanno protestato: ''Il gesto finale di Bisesti è stato un gesto gravissimo e pericoloso, fascista nei significati come nella pratica''

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato