Contenuto sponsorizzato

Lucia Azzolina ministra alla Scuola. Il suo ultimo post: il ''Buon Natale'' con la canzone dell'Istituto comprensivo Trento 6

Lucia Azzolina ha preso il posto del dimissionario ministro Fioramonti e sulla sua pagina Facebook l'ultimo post prima di quello odierno di soddisfazione era la ''Canzone Gentile'' del maestro Zeni e degli studenti trentini

Pubblicato il - 28 December 2019 - 16:49

ROMA. ''Un abbraccio agli studenti, alle studentesse e a tutto il personale scolastico dell’Istituto comprensivo Trento 6 per questa bellissima canzone. Buon Natale a tutti''. Questo l'ultimo post di Lucia Azzolina prima di diventare ministra della scuola al posto di Lorenzo Fioramonti.

 

 

L'aveva scritto solo tre giorni fa e aveva scelto per i suoi auguri di Natale la canzone del maestro Alessio Zeni ''erede'' dell'ormai mitica ''L'Altalena'' la canzone scritta un anno fa che parlava di rispetto e integrazione e che era nata dopo l'incredibile intervista di Katia Rossato, all'epoca neo eletta consigliera provinciale della Lega che protestava per il fatto che i parchi giochi sarebbero stati occupati dalle famiglie degli immigrati e i bambini ''italiani'' non avrebbero trovato spazio.

 

Un intervento che aveva provocato molte reazioni tra le quali anche quella dell'Istituto comprensivo Trento 6 che aveva realizzato questa canzone criticatissima dall'assessore Bisesti e amatissima sia dal popolo studentesco che dal corpo docente e dalle istituzioni tanto che quest'anno è stata cantata all'Aquila all'inaugurazione dell'anno scolastico davanti al presidente della Repubblica e dell'allora ministro Fioramonti. Proprio quel ministro che negli scorsi giorni si è dimesso (per ragioni di supposta coerenza non si sa bene con cosa viste le importante risorse destinate al suo dicastero) e che è stato sostituito da un lato da Gaetano Manfredi, presidente della Conferenza dei rettori, che è diventato ministro all'Università e alla Ricerca e dall'altra da Lucia Azzolina, dirigente scolastica, fino a ieri sottosegretaria alla Scuola in quota M5S.

 

Oggi è arrivato il nuovo post della ministra appena insediata: "Metterò tutto il mio impegno per riportare i ragazzi e il loro futuro al centro del sistema di Istruzione e del Paese. Non vedo l'ora di cominciare. Guidare il Ministero dell'Istruzione sarà per me un grande onore. Non nascondo l'emozione che - aggiunge - provo in questo momento. Nella scuola ho passato gli anni più belli della mia vita, prima come studentessa e poi come insegnante. Alla scuola voglio restituire ciò che mi ha dato". Prima però era arrivato il post per la ''Canzone Gentile''. Uno speciale augurio di Natale e un ringraziamento all'Istituto comprensivo Trento 6.

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

20 January - 19:17

Il 21 gennaio 1921 il Partito socialista italiano, riunito a Livorno per il XVII Congresso, si spaccò. Una componente fuoriuscita fondò il Partito comunista d'Italia, forza che avrebbe segnato la storia del '900 italiano. Quella rottura fu però anche il sintomo della difficoltà a leggere il presente, con il fascismo che l'anno successivo avrebbe preso il potere. Lo storico Marcello Flores: "Nel momento in cui serviva maggiormente unità, ci si frantumò sulla rivoluzione. Ma la prospettiva rivoluzionaria era scomparsa"

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato