Contenuto sponsorizzato

Malore sul sentiero davanti agli occhi del figlio. Muore padre trentino di 37 anni sulla via Ferrata Tridentina

Il dramma si è consumato non lontani dalla Cima Pisciadù, nel Gruppo del Sella. Daniel Ioriatti era un grande appassionato di montagna e andava spesso in quota con il figlio 

Pubblicato il - 01 novembre 2019 - 17:13

BRUNICO. Un malore fatale, davanti al figlio che lo accompagnava spesso nelle sue avventure in montagna. Daniel Ioratti, trentino, di 37 anni, è morto mentre stava percorrendo la via Ferrata Tridentina (o Pisciadù per la vicinanza con l'omonima vetta), una via famosa per la bellezza delle montagne che la circondano e lo spettacolare ponte sospeso sopra un precipizio nelle vicinanze della Torre Exner. Una via che si trova nel Gruppo del Sella, poco sotto il Passo Gardena.

 

Daniel si trovava, intorno all'ora di pranzo, verso le 12.45 sul sentiero, non lontano da Cima Pisciadù, quando all'improvviso si è accasciato a terra. Un malore apparentemente inspiegabile visto che era una uomo molto sportivo, grande appassionato di montagna ed aveva solo 37 anni. Con lui il figlio che subito ha chiamato aiuto e alcuni passanti hanno provato a rianimarlo mentre altri chiamavano i soccorsi. In pochi minuti sul posto è arrivato il Pelikan2.

 

Il trentino è stato caricato sull'elicottero che si è diretto subito verso l'ospedale di Brunico. A bordo i medici hanno continuato le operazioni di rianimazione ma non c'è stato niente da fare. Arrivati al pronto soccorso di Brunico il giovane padre era deceduto. Sull'incidente indagano i carabinieri anche se dalle prime risultanze si sarebbe trattato di una tragedia legata proprio a un malore. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no

21 gennaio - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 gennaio - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato