Contenuto sponsorizzato

Maneggia uno sparachiodi ma si trafigge nel torace, un operaio di 35 anni elitrasportato in ospedale

L'infortunio in una segheria è avvenuto ieri, mercoledì 19 giugno, a Tiarno di Sopra. A lanciare l'allarme i colleghi di lavoro. Sul posto Croce rossa della valle di Ledro, elicottero, vigili del fuoco di Concei e carabinieri

Immagine di repertorio
Pubblicato il - 20 giugno 2019 - 08:45

TIARNO DI SOPRA. Si è trafitto con un chiodo al torace, grave infortunio sul lavoro per un operaio di una segheria a Tiarno di Sopra.

 

L'incidente è avvenuto intorno alle 16 di ieri, mercoledì 19 giugno, quando un 35enne è rimasto ferito in modo accidentale.

 

L'operaio stava maneggiando una sparachiodi per concludere alcune operazioni di assemblaggio bancali, ma qualcosa è andato storto e il 35enne è rimasto trafitto da un chiodo nel busto all'altezza dei polmoni.

 

A lanciare l'allarme i colleghi di lavoro, che hanno immediatamente chiamato il numero unico di emergenza.

 

Tempestivo l'intervento dei soccorsi, Croce rossa della valle di Ledro, l'elicottero, i vigili del fuoco di Concei e carabinieri per ricostruire la dinamica. 

 

Il personale sanitario si è preso carico del ferito e dopo le prime cure sul posto, il 35enne è stato trasportato in elicottero all'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

Fortunatamente tanta paura e una ferita profonda, ma l'operaio non sembra in pericolo di vita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:36

Tra i principali indiziati ci sono i cambiamenti climatici, in particolare il caldo di fine giugno che ha sicuramente influito negativamente sul raccolto di quest’anno. Ma secondo i 1400 olivicoltori del Garda Trentino “Condizioni simili non si sono mai verificate in precedenza”

21 ottobre - 19:11

Menù indubbiamente affascinante, complesso nel suo rigore, meditato, tecnicamente evoluto, ma per nulla complicato. Studiato con il carisma indiscutibile di un "maestro dei fornelli" oltre che persona colta. Affermazione non casuale: Alfio Ghezzi "vede" oltre il cibo, entra nella cultura più coinvolgente, quella con la "C" maiuscola

21 ottobre - 16:08

La richiesta arriva dalle associazioni ambientaliste (e non solo) praticamente al termine del primo anno di attività. Un anno che si è caratterizzato per le associazioni per ''una incredibile serie di dichiarazioni ed azioni che poco o nulla hanno a che fare con la tutela ambientale. Dichiarazioni e azioni che vanno anzi nella direzione contraria, con un ulteriore sfruttamento economico dell’ambiente e della natura''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato