Contenuto sponsorizzato

Milioni di culle richiamate da Fisher-Price. La Consumer Product Safety Commission (Stati Uniti): ''Si sono verificati incidenti mortali''

''Voluntary recall'' dell'azienda che difende la sicurezza del prodotto: ''Utilizzo contrario alle istruzioni. Da novant'anni lavoriamo per la sicurezza dei bambini''

Foto tratta da https://fisher-pricesafety.com/
Pubblicato il - 15 aprile 2019 - 14:29

TRENTO. Quasi cinque milioni di culle richiamate in ditta negli Stati Uniti. Sono quelle della Fisher-Price. Il provvedimento di richiamo volontario è stato deciso in collaborazione con la Consumer Product Safety Commission (Cpsc) che afferma che almeno 30 bambini siano morti dal 2009 ad oggi dopo essersi rotolati nella culla "Rock 'n Play Sleepers".

 

Ad annunciare la decisione la stessa Fisher-Price (qui la nota) che parla di una "voluntary recall" e che ricorda di aver a cuore e di lavorare "da quasi 90 anni per fare la sicurezza dei bambini".

 

Il richiamo riguarda circa 4,7 milioni di prodotti negli States. Prodotti di cui la Mattel (proprietaria della Fisher-Price) difende comunque la sicurezza.

 

"Dati gli incidenti segnalati in cui il prodotto è stato utilizzato in modo contrario alle avvertenze e alle istruzioni di sicurezza, abbiamo deciso in collaborazione con la Consumer Product Safety Commission (Cpsc) che questo richiamo volontario è la migliore linea d'azione", comunica l'azienda.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato