Contenuto sponsorizzato

Muore a 17 anni, aveva perso i sensi in acqua

Il ragazzo di Bressanone nel 2014 aveva perso i sensi in piscina e rischiato di annegare. Portato in salvo dal bagnino non si era più ripreso 

Pubblicato il - 18 April 2019 - 10:47

BOLZANO. Nel 2014 era stato vittima di un incidente. Dopo cinque anni di coma un ragazzo 17enne è morto a Bressanone.

 

Il ragazzo cinque anni fa aveva rischiato di annegare nella piscina estiva più grande dell’Acquarena di Bressanone. Fu salvato appena in tempo perché una ragazzina che si trovava anche lei in piscina vide un corpo sul fondo della vasca olimpionica.

 

Immediatamente fu allertato il bagnino che si trovava a bordo vasca e che recuperò il ragazzino riportandolo a galla. Ilias, non riprese più conoscenza e da quel momento è rimasto in coma. Fino a oggi quando è arrivata la tragica notizia.

 

E' ancora in corso davanti al giudice di pace il processo contro il bagnino e il suo coordinatore. Il capo d'accusa ora dovrebbe aggravarsi da lesioni colpose a omicidio colposo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 December - 13:05

Il Dpcm firmato nelle ultime ore dal premier Giuseppe Conte non parla di Regione ma specifica la differenziazione tra Trento e Bolzano, come già avvenuto nel decreto legge del 2 dicembre scorso: questo significa che sono assimilati a due distinti territori 

04 December - 13:26

E' successo nel corso della mattinata e sul posto si sono portati i vigili del fuoco. L'interruzione della linea elettrica sarebbe stata causata dalla rottura di 2 isolatori portafune nella zona di Casteldarne

03 December - 15:38

L’obiettivo è quello di far uscire il documentario l’anno prossimo in occasione del 28 giugno, anniversario della morte di Angelo Bettini, avvocato roveretano socialista e antifascista trucidato dai nazisti. La regista Katia Bernardi: “Fra i protagonisti anche Renato Ballardini, uno dei testimoni, dell'eccidio che ricorda tutto della notte in cui uccisero i suoi amici di Riva del Garda”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato