Contenuto sponsorizzato

Oggi l'addio a Mario Martinelli, lo scrittore montanaro che si era dedicato a montagna, capre e ai libri

Si tiene oggi, martedì 27 agosto, alle 16 in forma laica a Obra nel comune di Vallarsa il funerale di Mario Martinelli, lo scrittore montanaro, scomparso sabato scorso a 57 anni. Un narratore autentico, consapevole praticante della montagna e autore di testi tanto schietti quanto intensi

Pubblicato il - 27 August 2019 - 13:49

VALLARSA. Si tiene oggi, martedì 27 agosto, alle 16 in forma laica a Obra nel comune di Vallarsa il funerale di Mario Martinelli, lo scrittore montanaro, scomparso sabato scorso a 57 anni. Un narratore autentico, consapevole praticante della montagna e autore di testi tanto schietti quanto intensi.

 

Nato il 23 luglio del 1962, viveva a Obra e aveva dedicato la vita alla montagna, alle capre, alla lettura e alla scrittura. In Vallarsa aveva fatto ritorno dopo una vita ricca di viaggi, di esperienze, di avventure e di eccessi. Poi è arrivata la malattia al fegato, diagnosticata nel 1998. E così la definitiva svolta.

 

Lassù c’era la vecchia casa della nonna Alma che lo aspettava: non sarebbe stata per Mario una 'fuga romantica' e una rinuncia definitiva al mondo ma il luogo adatto per 'dare un giro di vita'. Avrebbero giocato a favore del suo progetto di rinascita interiore tre elementi: le modeste e semplici dotazioni, il silenzio delle sue stanze, il verde nella quale è immersa. Una vita che ruotava intorno all’essenziale, all’elementare e al primordiale. Il passaggio è stato drastico, senza tappe intermedie, con ritiro tra le montagne alla ricerca di una dimensione umana dell'esistenza.

 

Nel frattempo a Innsbruck è arrivato un fegato nuovo, ma la malattia poi si è fatta risentire e come le salite in montagna sono diventate più faticose Martinelli è diventato scrittore. Nel 2005 arrivano le pubblicazioni di "Finalmente l’inverno", "Verde contrafforte" e "Il signor Broz". I primi di 17 libri che collocano Martinelli tra i più interessanti e veri scrittori di montagna. 

 

Temi che poi sono stati veicolati anche nel festival "Tra le rocce e il cielo", ideato e organizzato con la compagna Fiorenza Aste, che per sette edizioni ha portato in Vallarsa scrittori, economisti e politici a parlare di montagna, tutela e sviluppo. Nel 2013 aveva subito il secondo trapianto di fegato, dopo un periodo in cui era stato meglio, il peggioramento e la silenziosa battaglia di questi ultimi mesi. Ora restano i libri, le battaglie ambientaliste, la kermesse e il suo esempio. 


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 giugno - 18:53
Con l'arrivo dell'estate il misto di ghiaia, sassi e asfalto trasforma la spianata di San Vincenzo in un luogo caldissimo e afoso. Quasi [...]
Cronaca
14 giugno - 18:51
Fra poche ore apriranno le prenotazioni per la fascia d’età dai 18 ai 39 anni, fino al 10 luglio ci sono a disposizione 25mila dosi per una [...]
Società
14 giugno - 17:42
Michele sogna di diventare un ricercatore bio-informatico ma fin dalla nascita soffre di Tetra Paresi Distonica e per lavorare e avere una vita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato