Contenuto sponsorizzato

Paura al Brennero, una cisterna perde materiale chimico. Chiusa la stazione e isolata l'area per le operazioni di bonifica

Ieri, nel tardo pomeriggio, un forte odore si è diffuso nella stazione dei treni di confine e subito è stato chiaro si trattasse di qualche sostanza chimica. Sul posto molte compagnie dei vigili del fuoco, tecnici e forze dell'ordine

Pubblicato il - 18 August 2019 - 09:38

BRENNERO. E' stata addirittura evacuata la stazione e isolata l'intera area. Troppo alto il rischio che quelle sostanze che stavano fuoriuscendo da un vagone cisterna per i trasporti di materiali chimici pericolosi potessero contaminare l'area e creare problemi alla popolazione. E così sono stati fermati anche dei treni passeggeri sia lato Italia che lato Austria in attesa che i vigili del fuoco e i tecnici riuscissero a capire cosa stava succedendo. 

 


 

Si sono vissute due ore ad alta tensione ieri, nel tardo pomeriggio, alla stazione del Brennero. Un treno merci da un carro cisterna recante la scritta ''Dangereous Goods'' (Merci pericolose) e i simboli della tossicità stava perdendo una sostanza densa e cristallina: si trattava di fenolo una sostanza che al contatto con l'ossigeno, appunto, si cristallizza.

 


 

Ci si è accorti della cosa perché in tutta la stazione si è diffuso un odore molto forte e sgradevole. Compiute le opportune verifiche è stato chiaro che si trattava di materiale chimico e si è cercata la perdita e così, per evitare rischi, si è proceduto prima a bloccare il binario 9 dove si trovava il treno in questione e poi la stazione tutta. Sul posto si sono subito portati i vigili del fuoco di Vipiteno, Colle Isarco, Fleres e Tunes oltre alla polizia ferroviaria e ai tecnici della ferrovia. 

 


 

La stazione è stata isolata e dalle 17.20 è stato limitato anche il traffico ferroviario (che è stato ripristinato completamente intorno alle 20 con otto treni che hanno subito grossi disagi e sono stati sostituiti con degli autobus). I tecnici armati di respiratori e tute isolanti hanno cominciato a operare sulla cisterna individuando il punto di fuoriuscita del materiale chimico. Hanno quindi cominciato gli interventi di messa in sicurezza del vagone individuando la falla (delle viti non sigillavano alla perfezione uno dei coperchi) ed hanno effettuando la bonifica.

 


 

Le operazioni sono durate circa due ore e trenta minuti e intorno alle 20 la stazione è stata riaperta. Tutte le operazioni si sono svolte con la massima cautela e professionalità e all'esterno mezzi dei vigili del fuoco e dei soccorsi erano pronti a intervenire in caso si verificasse qualche complicazione. Anche i carabinieri sono giunti sul posto per garantire la sicurezza delle operazioni. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
13 giugno - 20:30
Trovati 11 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 44 guarigioni. Sono 248 i casi attivi sul territorio provinciale
Cronaca
13 giugno - 20:04
Dopo una ricostruzione della disciplina vigente, la Pat riconduce la regola per le zone bianche al Dpcm secondo il quale il coefficiente [...]
Cronaca
13 giugno - 19:43
L'allerta è scattata all'altezza di Vadena lungo l'Autostrada del Brennero. Tempestivo l'arrivo dei vigili del fuoco di Egna ma l'auto è finita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato