Contenuto sponsorizzato

Percorrono in macchina una strada chiusa per il maltempo, rimangono bloccati da una valanga

Paura sulla statale 242 per il Passo Sella: slavina cade sotto la parete del Piz Ciavazes, impedendo il transito alla vettura. Allarme dai turisti, i soccorritori arrivano a piedi e li portano in salvo 

Pubblicato il - 03 febbraio 2019 - 13:38

TRENTO. Viaggiavano nella loro automobile su una strada chiusa e, all'improvviso, hanno visto piombare sulla strada davanti a loro una slavina. Pochi minuti prima delle 12 è scattato l'allarme dato dalle stesse persone a bordo del mezzo (sembra un fuoristrada), rimasto bloccato sulla carreggiata.

 

Tutto è successo quando mancava una decina di minuti a mezzogiorno, sulla strada statale 242, quella che da Canazei porta al Passo Sella. Tre o quattro persone, probabilmente di origini russe, viaggiavano all'interno di un'unica macchina sulla strada e sono rimaste bloccate in seguito alla caduta dall'alto di neve e piante.

 

Una slavina che si è staccata sotto la parete del Piz Ciavazes ha invaso la strada del Passo, che al momento dell'accaduto pare fosse chiusa al transito proprio a causa del maltempo delle ultime giornate.

 

Una cascata di piante, sassi e neve che ha messo in difficoltà i gitanti. La loro automobile non è stata fortunatamente interessata dalla slavina, ma è rimasta bloccata. Davanti alla vettura è infatti caduta una pianta che ha sbarrato la strada; dietro al mezzo è poi caduta della neve, rendendo impossibile il passaggio sia in avanti, sia indietro.

 

A chiedere aiuto sono stati gli stessi turisti protagonisti della vicenda, dalla loro automobile. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Canazei e gli uomini dell'area operativa Trentino settentrionale del Soccorso alpino.

 

Assieme i soccorritori hanno raggiunto a piedi le persone in difficoltà e le hanno accompagnate a valle, incolumi. La strada statale per il Passo rimane dunque chiusa al transito. Forse già domani interverranno i mezzi per la messa in sicurezza dell'asse stradale.

 

In seguito alle ultime abbondanti nevicate, fanno sapere poi dal Soccorso alpino, il pericolo valanghe su tutto il territorio provinciale va dal grado di pericolo 3 (marcato) al grado 4 (forte). Il Soccorso alpino raccomanda quindi la massima prudenza e attenzione e invita la popolazione a consultare sempre l'apposito bollettino, disponibile sul portale di MeteoTrentino.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato