Contenuto sponsorizzato

Piazza Dante, controlli del reparto prevenzione crimine: fermato un giovane

Non si fermano i controlli contro lo spaccio e la microcriminalità messi in campo dalla forze di polizia in città di Trento

Pubblicato il - 10 luglio 2019 - 21:30

TRENTO. Prosegue senza sosta l'attività di contrasto alla criminalità e allo spaccio nella città di Trento portata avanti dalla polizia e voluta dal questore Giuseppe Garramone.

 

A dimostrarlo sono stati i controlli del reparto prevenzione crimine che si sono svolti ieri in piazza Dante, una delle aree che rimangono ancora fra le più critiche della città soprattutto per quanto riguarda lo scambio della sostanza stupefacente.

 

Le forze dell'ordine, nel corso del pomeriggio hanno effettuato diversi controlli. In uno di questi è stato fermato un giovane che si è subito dimostrato molto agitato tanto da arrivare anche a scagliarsi contro gli agenti.

 

Dopo alcuni momenti concitati il giovane, non senza difficoltà, è stato bloccato ed è stato portato poi in questura per ulteriori controlli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato