Contenuto sponsorizzato

Precipita per 3 metri nella tromba dell'ascensore. Paura per un cinquantenne

L'uomo è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Belluno con politraumi e fratture costali ma non è in pericolo di vita

Pubblicato il - 08 dicembre 2019 - 13:41

ALPAGO. Venerdì mattina un dirigente aziendale è precipitato nella tromba di un ascensore in disuso nella sede della ditta. Portato all'ospedale di Belluno, è ricoverato nel reparto di rianimazione con importanti traumi. 

 

Stando alle prime ricostruzioni, l'uomo era in un locale usato come magazzino nel quale si trova l'ascensore, da qualche tempo in disuso. Al momento non si sa se il vano fosse protetto, dato che pare che negli ultimi tempi fosse stato sottoposto a lavori. L'uomo, di 53 anni, però, è precipitato per tre metri sbattendo violentemente il torace e riportando gravi traumi alle costole. 

 

Immediato l'intervento dei soccorsi che hanno trasportato l'uomo all'ospedale di Belluno. Sul posto anche le forze dell'ordine che dovranno stabilire la dinamica della caduta.

 

L'uomo ora è ricoverato nel reparto di rianimazione con politraumi e fratture costali, ma non è in pericolo di vita. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 13:34

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

25 gennaio - 11:48

Numeri del contagio in crescita in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si registrano 200 nuovi positivi e 4 decessi. Cresce l'indice contagi/tamponi, così come tutti i numeri negli ospedali. Le vittime da inizio pandemia salgono a 845, 551 solamente da settembre

25 gennaio - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato