Contenuto sponsorizzato

Raffiche di vento, strade interrotte e al mercatino di Natale una casetta è stata scoperchiata

La situazione ora è sotto controllo. Ieri pomeriggio il Mercatino di Natale di Levico è stato chiuso in anticipo per evitare pericoli. Oggi è stato riaperto. Diversi interventi dei vigili del fuoco volontari di Levico per liberare alcune strade da alberi abbattuti

Pubblicato il - 06 gennaio 2019 - 10:47

LEVICO. Il forte vento delle ultime ore che si è abbattuto su Levico ha creato non pochi problemi sia alla circolazione che al mercatino di Natale che si trova all'interno del parco Asburgico.

 

Nella giornata di ieri, infatti, gli organizzatori del mercatino sono stati costretti a chiudere anticipatamente, alle 18.30, in via preventiva le casette per evitare possibili pericoli che potevano arrivare dalla caduta di rami o piante. In serata è stato lanciato l'allarme perché il forte vento aveva scoperchiato interamente una casetta di oggettistica del mercatino. Sul tetto di altre, invece, sono caduti dei grossi rami. 

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco volontari di Levico che hanno provveduto a mettere in sicurezza l'area. La casetta è stata sistemata e oggi il mercatino è stato riaperto senza alcun problema.

 

Altri problemi causati dal forte vento e dalla caduta piante si sono verificati in diverse strade. A partire da Vetriolo dove alcune piante hanno provocato l'interruzione della circolazione e l'intervento sempre dei vigili del fuoco. La strada da Scorano a Compet è rimasta chiusa dalle 20 di ieri sera fino alle 10 di questa mattina per sentire consentire l'intervento di rimozione dei rami caduti

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 10:44

L'ente che si occupa del patrimonio immobiliare pubblico del Trentino è guidato dal direttore emerito di un istituto che meno di un mese fa ha invitato gli italiani alla ''disobbedienza fiscale'' contro i dpcm del governo Conte e che fatica a mettere in regola lo stesso ente pubblicando il suo curriculum vitae (avrebbe dovuto farlo dal 5 ottobre e ci sono due interrogazioni al riguardo in consiglio provinciale). Da quello del consigliere Cesare Scotoni, intanto, emerge una dichiarazioni dei redditi molto scarna

23 novembre - 20:52

L'esigenza della Provincia sembra quella di aprire a ogni costo, ma quale e quali sono le prospettive? Zeni: ''Serve un'analisi della sostenibilità economica". Dallapiccola: ''Un'ansia da prestazione improvvisata". E nel commentare l'estate l'assessore non aveva voluto pensare alla soluzione C per l'imminente inverno

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato