Contenuto sponsorizzato

Riaperta la SS 240 dopo le frane di novembre. Rimangono chiusi la ciclopedonale e il Sentiero della pace

Dopo le frane che avevano interessato il Monte Brione a metà novembre, causa le piogge copiose, è stata riaperta al traffico la parte tra porto San Nicolò e il lido di Arco. Per motivi di sicurezza, però, permarranno chiuse la ciclopedonale e il Sentiero della pace

Pubblicato il - 03 dicembre 2019 - 16:22

ARCO. Riaperta la strada tra il lido di Arco e porto San Nicolò. A seguito delle verifiche sulla struttura della galleria paramassi della Strada Statale 240, oggetto di una frana nel giorno di martedì 19 novembre, le autorità preposte hanno dichiarato la sua agibilità. 

 

Dalle 16, pertanto, la strada è stata riaperta al traffico. A comunicarlo è il Servizio gestione strade della Provincia di Trento, che ha in gestione l'arteria e che si è occupato del ripristino. Per motivi di sicurezza, invece, rimangono chiusi la ciclopedonale a lato della galleria paramassi e il Sentiero della pace

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 dicembre - 05:01

I vertici delle Stelle alpine redigono un documento (all'interno in forma completa) per chiarire un futuro che guarda fino alle prossime provinciali. I paletti per un dialogo sembrano stringenti più per il carroccio che per gli ex alleati. "Differenziarsi dalle visioni dei partiti nazionali e in antitesi ai partiti centralisti, nazionalisti, anti europeisti e a quei leader nazionali che vedono nel Trentino una terra di conquista"

06 dicembre - 10:17

E' successo nelle prime ore di questa mattina. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco i soccorsi sanitari con l'elicottero e il soccorso alpino. L'uomo ha riportato gravi ferite agli arti inferiori

06 dicembre - 09:03

E' successo questa notte, i vigili del fuoco hanno dovuto scavare con le mani e le vanghe per togliere la terra e i sassi e liberare il ferito 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato