Contenuto sponsorizzato

"Ruba il lavoro ai fassani e non conosce il ladino'', vigilessa insultata perché non del posto

Il fatto è avvenuto a Soraga. L'uomo, un imprenditore fassano, è stato condannato dal giudice a pagare 10 mila euro 

Pubblicato il - 31 luglio 2019 - 08:36

SORAGA. Insultata perché non del posto mentre svolgeva il suo lavoro. E' successo in Val di Fassa dove una agente della Polizia locale, originaria della Puglia, è stata offesa da un uomo dopo che quest'ultimo aveva preso la multa. Secondo lui, infatti, l'agente stava rubando lavoro ai trentini e perché non conosceva la lingua ladina.

 

Una vicenda che è finita poi davanti al giudice che ha condannato l'uomo, un imprenditore fassano, a 10 mila euro di multa e tre mesi di reclusione.

 

Tutto è nato da un battibecco a Soraga. L'agente di polizia locale aveva dato la multa ad una macchina parcheggiata in maniera irregolare. Sul posto era poi arrivato il proprietario che si era rifiutato di mostrare i documenti. Da qui era iniziato uno scontro verbale tra i due. L'uomo, infatti, avrebbe inveito contro la donna in ladino perché stava facendo un lavoro che sarebbe dovuto essere fatto da persone del posto e perché non parlava la lingua ladina. Il tutto con toni arroganti. Stappando poi i verbali se ne era andato. 

 

La questione, come detto, è finita in tribunale dove l'imputato è stato poi accusato di oltraggio e interruzione di pubblico servizio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato