Contenuto sponsorizzato

Salvate grazie alla luce dei cellulari, le due ragazze bloccate dal ghiaccio a cima Portule riportate a valle dal Soccorso alpino

Operazione delicata per le condizioni meteo, buio e freddo. Era stato richiesto anche l'intervento dell'elicottero del Soccorso alpino trentino, ma non è riuscito a raggiungere il luogo a causa di neve e vento. Il Soccorso alpino si è mosso con fuoristrada e poi a piedi per raggiungere le escursioniste

Di L.A. - 19 gennaio 2019 - 12:06

TRENTO. Sono state recuperate e portate in salvo nella notte le due ragazze bloccate da ghiaccio e neve a cima Portule. Un'operazione molto delicata per la situazione meteorologica, buio, freddo e la posizione delle escursioniste.

 

Le due ventenni sono partite ieri, venerdì 18 gennaio, da Malga Larici per raggiungere intorno alle 13 la cima. Dopo aver mangiato qualcosa al sacco, si sono incamminate lungo il giro ad anello che passa per Bocchetta Portule

 

Completato il sentiero che taglia la cresta, le due ragazze, una ventiquattrenne di Roana (Vicenza) e una ventenne di San Pietro Cariano (Verona), nel percorrere il tratto nord, si sono però trovate la neve alle ginocchia.


Le escursioniste sono quindi tornate indietro a Cima Portule e hanno iniziato la discesa alle 15.30 verso Casara Trentin. Nebbia e nevischio le hanno rallentate finché non si sono dovute fermare per la presenza di neve ghiacciata. Troppo pericoloso continuare.

 

A quel punto, intorno alle 16.40, hanno lanciato l'allarme ai carabinieri di Thiene, i quali hanno allertato il Soccorso alpino di Asiago. L'intervento ha però visto anche la richiesta dell'elicottero del soccorso alpino del Trentino. Una richiesta di aiuto che non è andata a buon termine a causa del brutto tempo e la nebbia che hanno impedito la visuale necessaria per l'operazione (Qui articolo). 

 

Nel frattempo si sono mosse due squadre del Soccorso alpino veneto: le unità si sono mosse a bordo dei fuoristrada con catene e si sono avvicinate il più possibile alla zona di intervento, prima di continuare a piedi. In costante contatto telefonico, i soccorsi sono riuscite a individuare la posizione precisa per la luce dei cellulari. 

 

Definitivamente raggiunte e verificate le condizioni, le ragazze hanno indossato i ramponi portati dal Soccorso alpino per far rientro a valle. Fortunatamente tutto si è risolto per il meglio


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
09 maggio - 13:03
A partire dalla prossima settimana saranno potenziati i controlli delle forze dell'ordine nel centro storico di Trento nelle ore serali. Il [...]
Cronaca
09 maggio - 13:08
Le fiamme si sono sviluppate in tarda mattinata in un'abitazione del piccolo comune trentino: intervenuti sul posto i vigili del fuoco volontari di [...]
Cronaca
09 maggio - 11:50
L'obiettivo resta quello di evitare altre restrizioni per la cittadinanza, e questo ha spiegato il presidente "Richiede anche controlli e, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato