Contenuto sponsorizzato

Scivola e precipita sotto gli occhi dei compagni di cordata: è Renzo Viganò l’alpinista caduto ieri sulla Concarena

Il 38enne originario di Cantù era conosciuto da tutti per la sua passione per la montagna. Alpinista esperto assieme a due compagni si stava preparando ad affrontare la via Cassin quando si è verificata la tragedia

Pubblicato il - 20 agosto 2019 - 12:04

ONO SAN PIETRO (BS). I soccorsi si erano attivati tempestivamente, avvisati dai compagni di cordata, ma per lui non c’era già più niente da fare.

 

È Renzo Viganò, l’alpinista deceduto sulla Concarena, vetta da 2549 metri che si staglia poco oltre il confine ovest del Trentino in Valle Camonica.

 

L’uomo, 38 anni originario di Cantù residente a Bregnano, assieme ad altri due scalatori si stava preparando per affrontare la via Cassin, grande classica dell’alpinismo, 900 metri di parete quasi verticale con diversi passaggi impegnativi.

 

L’alpinista però, che ricordiamo non era certo uno sprovveduto anzi vantava già innumerevoli ascensioni in quota, non è mai riuscito a cimentarsi con l’arrampicata.

 

Il 38enne infatti, probabilmente tradito dal terreno bagnato e reso scivoloso dalle recenti piogge, è caduto quando ancora si trovava alla base della parete a quota 1560.

 

Viganò è scivolato sotto gli occhi dei compagni che lo hanno visto precipitare per circa un centinaio di metri. Gli scalatori hanno immediatamente dato l’allarme e in pochi minuti sul posto è arrivato il soccorso alpino bresciano con l’elicottero, supportato dalle squadre di terra.

 

L’impatto purtroppo non ha lasciato scampo al 38enne originario di Cantù, il recupero della salma è stato possibile solo con l’uso del verricello che ha calato gli uomini del soccorso alpino e l’équipe medica. I soccorritori però hanno potuto solamente constatarne la morte.  

 

In un post su Facebook il Club alpino italiano di Cantù ha voluto rendere omaggio all’alpinista caduto: “Ciao Renzo. Ti ricorderemo sempre così, come in questa foto, con quel sorriso che esprimeva la tua passione per la montagna. Una passione che hai ampiamente condiviso con noi e soprattutto con i bimbi del corso di arrampicata. Ora in totale libertà, continua a scalare le infinite montagne del paradiso, Riposa in pace”.


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
21 giugno - 15:31
La commissione politiche sociali guidata da Paolo Holneider ha lavorato per verificare la possibilità di implementare lo "psicologo di quartiere". [...]
Cronaca
21 giugno - 15:32
E' successo oggi, 21 giugno, poco dopo mezzogiorno a Fraina, frazione del comune di Laion: un grave incidente ha coinvolto un mezzo agricolo che è [...]
Cronaca
21 giugno - 11:51
Entra oggi in vigore la nuova ordinanza del presidente Kompatscher che prevede un alleggerimento delle misure restrittive. Via il coprifuoco e la [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato