Contenuto sponsorizzato

Scopre che l'ex è incinta, tampona col trattore il nuovo compagno e gli frattura il braccio a bastonate

E' successo questa mattina a Baselga del Bondone. L'uomo ha raggiunto il rivale e dopo averlo inseguito lo ha riempito di bastonate

Pubblicato il - 17 gennaio 2019 - 19:00

BONDONE. Ha scoperto che la sua ex compagna è incita di sei mesi e a quel punto ha perso la ragione. Dapprima ha utilizzato un trattore per tamponare la macchina del ''rivale'' in amore e poi lo ha colpito a bastonate fratturandogli il braccio. 

 

I fatti si sono svolti questa mattina a Baselga del Bondone. La polizia è stata chiamata sul posto da un uomo di 45 anni, che ha riferito agli agenti che poco prima era stato raggiunto e malmenato dall’ex della sua attuale compagna.

 

Dapprima l’aggressore ha raggiunto l'uomo e poi ha utilizzato un trattore per tamponare volontariamente la sua macchina. A quel punto la vittima è scesa dall'auto e si è data alla fuga ma l’aggressore è riuscito a raggiungere il proprio rivale in amore e l’ha colpito più volte con un bastone in legno procurandogli la frattura di un braccio, dopodiché si è allontanato.

 

Dalle prime informazioni raccolte sembra che l’ira dell’uomo sia dovuta a motivi di gelosia, avendo saputo che la sua ex compagna è incinta di sei mesi. La Volante intervenuta si è messa subito alla ricerca dell’aggressore, rintracciandolo poco dopo e denunciandolo per lesioni e danneggiamento.

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

19 febbraio - 17:56

Dopo il ''riserbo'' di Paccher sui nominativi esaminati dalla giunta per le elezioni, interrogazione del consigliere di Futura : ''L'attività del parlamento trentino e dei suoi organi dev'essere trasparente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato