Contenuto sponsorizzato

Scrisse con la bomboletta ''Alpini assassini''. Individuato l'autore, a processo un 29enne anarchico

Il gesto era stato fatto ad inizio del febbraio 2018. Il giovane aveva appena partecipato ad una manifestazione. Non si è accorto, però, che il muro sul quale ha fatto la scritta era sorvegliato da una telecamera

Pubblicato il - 11 settembre 2019 - 08:22

TRENTO. Una scritta odiosa “Alpini assassini” che era comparsa su un muro della sede Ana che si trova in vicolo Benassuti all'inizio di febbraio dello scorso anno, proprio quando la macchina per l'organizzazione dell'Adunata lavorava a pieno ritmo. L'autore di quel gesto sembra essere ora stato individuato. Si tratta di un ragazzo di 29 anni di area anarchica che ora è stato rinviato a giudizio per danneggiamento.

 

Il fatto è avvenuto il 9 febbraio scorso. Una serata movimentata per la città visto che per il centro storico si stava svolgendo una manifestazione anarchica. Il ragazzo, al termine, si sarebbe staccato dal gruppo e con una bomboletta rossa avrebbe fatto la scritta.

 

Non si è accorto, però, che pur essendo una zona coperta era comunque sorvegliata da una telecamera. Non avendo adottato alcuna cautela, la sua individuazione avvenne in poco tempo. E' bastato infatti verificare le immagini per vedere l'autore del gesto. Gli alpini hanno sporto immediatamente denuncia.

 

Il ragazzo andrà ora a processo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 12:38

La donna è stata assistita dall’avvocato trentino Schuster: “Al di là della tutela della cliente, era importante porre fine a tesi isolate che pretendevano di applicare automatismi e ora la Cassazione ha fatto chiarezza. Ma la piena dignità delle persone trans è ancora un traguardo lontano”

17 febbraio - 21:35

L’area potrà essere edificata dopo decenni di stop. Motivato. I privati che vi investiranno cederanno una porzione di terreni al Comune. E per quanto riguarda le future costruzioni si realizzerà – in parte – una struttura di cohousing: alloggi privati corredati da spazi comuni destinati ad un uso collettivo

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato