Contenuto sponsorizzato

Si perdono nel bosco a causa della nebbia e degli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia, due escursionisti portati in salvo nella notte

I due, un uomo e una donna, hanno perso l'orientamento anche a causa della nebbia e degli alberi abbattuti. L'intervento di soccorso è durato fino all'una di notte vista la difficoltà a localizzare con precisione la posizione dei due

Pubblicato il - 02 November 2019 - 11:57

SAN MARTINO DI CASTROZZA. Si sono ritrovati in mezzo alla nebbia in una zona particolarmente impervia, tra schianti provocanti dalla tempesta Vaia. Brutta disavventura per due escursionisti che sono stati portati in salvo questa notte dal soccorso alpino perché avevano smarrito il sentiero nella zona Buse dell’Oro (gruppo del Lagorai) sopra l’ex Malga Colbricon.

 

I due, un uomo e una donna di origine veneta ma residenti in Trentino, hanno perso l’orientamento a causa della fitta nebbia e hanno deciso di chiedere aiuto al Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 16.50 di ieri quando, ormai persa la traccia del sentiero, si sono ritrovati in una zona particolarmente impervia, in mezzo agli schianti provocanti dalla tempesta Vaia.

 

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino ha inviato sul posto due squadre per un totale di sei soccorritori della Stazione San Martino di Castrozza.

 

I due escursionisti, illesi, sono stati raggiunti a 1980 metri d'altezza a tarda notte, vista la difficoltà a localizzare con precisione la posizione dei due e la presenza sul terreno di numerosi schianti.

Sono stati accompagnati a valle in sicurezza, fino alla loro macchina che era parcheggiata al lago di Paneveggio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 January - 10:19

C'è preoccupazione per i tagli delle dosi delle case produttrici dei vaccini. L'Apss prevede una pianificazione delle somministrazioni in base alle forniture. Benetollo: "Pfizer per Rsa e operatori sanitari; Moderna per le persone in attesa di entrare nelle case di riposo. Con AstraZeneca invece si entra negli ambulatori e negli studi dei medici di medicina generale

24 January - 05:01

Dalle versioni contraddittorie di Pat e Apss alla conferma del Ministero della Salute che sottolinea: “Il tampone molecolare di controllo deve essere fatto nel più breve tempo possibile. Su questo non c’è dubbio. Non mettiamo un limite temporale, ma possibilmente entro 24-48 ore”. Eppure in Trentino è stato dimostrato che servono almeno 10 giorni

24 January - 09:02

La tragedia è avvenuta ieri mattina in via Leonardo da Vinci a Borgo Sacco. Inutili purtroppo i tentativi di rianimazione 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato