Contenuto sponsorizzato

Termina lo spettacolo e gli artisti vengono presi a sassate e insulti da cinque ragazzini. Sul posto arrivano i carabinieri. ''Non è la prima volta''

E' successo ieri sera al teatro di Lavis attorno alle 22.30. Gli artisti colpiti con dei sassi mentre stavano mettendo l'attrezzatura in macchina. Chiesto l'intervento dei carabinieri 

Di G.Fin - 28 December 2019 - 12:09

LAVIS. “Non c'era nessun motivo, nessuna discussione in atto ma siamo stati aggrediti prima verbalmente e poi con dei sassi che ci sono stati lanciati addosso”. Sono stupiti ma allo stesso tempo molto delusi gli artisti vittime ieri sera di cinque ragazzini di 13 – 14 anni all'uscita dal teatro di Lavis. Uno dei presenti ha deciso di sfogarsi attraverso un post che è stato messo in alcuni gruppi di Facebook. “L'ho fatto perché cose simili non possono avvenire ed è giusto farle sapere” ci spiega contatto al telefono.

Il fatto è avvenuto attorno alle 22.30 al termine di uno spettacolo di magia messo in scena da alcuni artisti locali per le famiglie. Al termine dell'esibizione, mentre gli artisti con degli aiutanti stavamo smontando l'attrezzatura dal palco per sistemarla in auto, qualcuno ha iniziato a gettargli addosso dei sassi.

 

Sul tetto del teatro, infatti, si erano posizionati cinque ragazzini che alla vista degli artisti si sono messi ad insultarli e minacciarli con frasi senza senso, prendendoli in giro senza motivo. “Quando abbiamo sentito quello che ci stavano dicendo – ha spiegato a ildolomiti.it uno dei presenti – non abbiamo ovviamente reagito alla provocazione”. Ad un certo questi cinque teppisti, però, hanno anche iniziato a lanciare dei sassi contro le auto. “Da questa piazza non uscite” mostrandosi in atteggiamento di sfida.

 

E' stato in quel momento, vista la situazione, che gli artisti hanno chiesto l'intervento dei carabinieri. “Non avevamo altra possibilità – ci spiega un artista – perché questi ragazzi si sono messi nei punti di uscita della piazza con dei sassi e volevano colpire le nostre macchine”.

 

Sul posto, racconta l'artista, si sono portati i carabinieri a cui è stato chiesto di scortare le macchine fino all'uscita di Lavis. I ragazzi, intanto, sono scappati. “Siamo venuti a sapere – spiegano gli artisti – che non è la prima volta che alcuni ragazzini creano problemi al teatro e la situazione è già stata fatta conoscere anche al comune. Fino ad oggi, però, non si è fatto nulla”.

 

Sui social, intanto, è già iniziata la discussione su quello che è successo e la conferma che la situazione non è nuova arriva anche da altre testimonianze.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 January - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato