Contenuto sponsorizzato

Tir bloccato in un vicolo cieco. I vigili del fuoco lavorano 4 ore per liberarlo

E' successo nel comune di Nova Ponente in Alto Adige. Il conducente dove aver visto la situazione e non riuscendo più a muoversi ha chiesto l'aiuto dei vigili del fuoco 

Pubblicato il - 30 luglio 2019 - 09:45

NOVA PONENTE. Ci sono volute quattro ore e tanto impegno da parte dei vigili del fuoco per liberare un tir che, a Obereggen, carico di pannelli isolanti in fibra di legno, si è trovato in una strada cieca non riuscendo più ad uscire.

 

Il conducente dopo essersi accorto della situazione in cui si trovava ha cercato di 'liberarsi' e  uscire dalla strada comunale senza però riuscirsi. Ha quindi chiesto aiuto ai vigili del fuoco.

 

Sul posto si è portato il corpo permanente dei vigili del fuoco di Bolzano e ai vigili del fuoco volontari di Ega oltre alla polizia locale di Nova Ponente.

 

Come prima cosa il tir è stato scaricato e poi è stata avviata una laborioso operazione per riuscire a girare il mezzo anche con l'utilizzo dell'autogrù. Alla fine, dopo quattro ore di lavoro, il tir è uscito dalla strada cieca.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato