Contenuto sponsorizzato

Ubriaco non riesce a stare in equilibrio sul motorino ed esce di strada. Aveva alcol nel sangue quattro volte il limite

L'uomo, un 36enne, è stato condannato a quattro mesi (pena sospesa) e con una multa di mille euro 

Pubblicato il - 26 maggio 2019 - 08:51

TRENTO. Talmente ubriaco da non riuscire nemmeno a stare in equilibrio sul motorino e finire a terra.

 

La sbornia di una sera è costata cara ad un 36enne a cui è stata revocata la patente ed è stato pure condannato, pena sospesa, a quattro mesi di carcere e una multa di mille euro.

 

Il fatto è successo alle 4 di mattina. L'uomo dopo non essersi risparmiato nel bere si è messo in sella del suo motorino. Ad un certo punto, complice l'alcol, non è più riuscito a gestire il mezzo finendo fuori strada.

 

Fortunatamente non sono state coinvolte altre persone. Quando si è alzato ha però trovato davanti una pattuglia delle forze dell'ordine. Sottoposto all'alcol test superava di quattro volte il limite.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 05:28

In Calabria partita facile per Jole Santelli di Forza Italia che è stata eletta governatrice. Zingaretti: "Un immenso grazie al movimento delle Sardine che sono riuscite a dare una scossa democratica importante respingendo l'aggressività della destra estremista e la cultura dell'odio"

26 gennaio - 20:04

Mentre il Giorno della memoria s'avvicina, il Comune di Verona ha ben pensato di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e di dedicare contemporaneamente una via a Giorgio Almirante, storico leader dell'Msi e capo redazione de "La difesa della razza". Antisemita, razzista e collaborazionista, fu figura di raccordo tra l'estrema destra eversiva e le istituzioni deviate durante lo stragismo. Impedirne l'ingresso nell'odonomastica è un dovere civico

26 gennaio - 20:14

La "forza gentile" degli ambientalisti, in Lessinia sfilano oltre 10mila persone, ma il firmatario del ddl Valdegamberi accusa: “Atto di arroganza pubblica del peggiore ambientalismo da salotto”. La consigliera regionale Guarda: “Abbiamo mandato un messaggio forte, ora le istituzioni dovranno tenerne conto, da parte nostra chiediamo il ritiro di questa proposta di legge”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato