Contenuto sponsorizzato

Ubriaco viene fermato per dei controlli e dà in escandescenza con le forze dell'ordine. Un'agente finisce in ospedale

E' successo alle due di notte ad Arco  e l'agente è stata portata al pronto con ferite lievi dopo essere cauta per evitare la moto 

Pubblicato il - 15 giugno 2019 - 11:08

ARCO. E' stata una notte movimentata quella appena terminata ad Arco dove un'agente della polizia locale dell'Alto Garda e Ledro è stata costretta a ricorrere alle cure mediche dopo essere rimasta ferita durante un controllo.

 

I fatti sono avvenuti attorno alle 2 in zona Santa Caterina ad Arco. I vigili stavano svolgendo dei normali controlli quando ad un certo punto hanno fermato un uomo 40enne che con la moto si era appena reso protagonista di una manovra azzardata.

 

Nel corso del controllo l'uomo è stato sottoposto all'alcol test dal quale è risultato avere un tasso alcolemico nel sangue superiore a due.

 

Mentre un'agente della polizia locale stava procedendo a sanzionare il centauro, l'uomo, poco collaborativo oltre che ubriaco, con rabbia ha scagliato la moto verso l'agente che per evitare che le finisse addosso si è spostata cadendo a terra e ferendosi.

 

Sul posto è intervenuta un'ambulanza e la donna è stata trasportato all'ospedale di Arco per le cure del caso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 ottobre - 16:03

Si tratta di una coppia, tutti i colleghi sono stati sottoposti a tampone al laboratorio dell'Azienda sanitaria e sono risultati negativi. La Mach: ''E' la dimostrazione dell’efficacia dei protocolli antiCovid 19 adottati" ed interviene anche il direttore dell'Apss che ha precisato come il contagio non possa essere avvenuto all’interno dei luoghi di lavoro

22 ottobre - 13:19

Una proposta semplice quanto efficace che permetterebbe agli esercenti di ''salvare'' la stagione come avvenuto in estate tra plateatici allargati e tavolini all'aperto. Con il freddo si dovrebbe, altrimenti, tornare al chiuso ma tra regole sul distanziamento e la paura del ritorno del Covid-19 il rischio che gli spazi coperti restino semi-vuoti appare molto concreto

22 ottobre - 12:31
Un elenco che contiene buona parte dell'Italia, ma anche dell'Austria, così come Polonia, Croazia, Svezia e Svizzera. Nelle scorse settimane invece la Svizzera ha inserito nell'elenco delle aree a rischio Veneto, Campania, Sardegna e Liguria
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato