Contenuto sponsorizzato

''Un grande spavento, sembrava il terremoto, i calcinacci mi hanno investito in pieno'': parla il dj colpito dall'intonaco durante il saggio a scuola

Marco Zanellato curava alla consolle la musica delle esibizioni: ''Poteva andare peggio, ma in un istituto frequentato da bambini non deve succedere''

Pubblicato il - 02 giugno 2019 - 12:01

RIVA DEL GARDA. "È stato davvero un grande spavento, soprattutto per i bambini più piccoli": a parlare è Marco Zanellato, il dj che sabato sera occupava il banco investito dai calcinacci caduti in palestra al Floriani (qui articolo). "Mi è arrivato tutto in testa" ricorda.

Tutto è successo attorno alle 20, quando nella palestra dell'istituto tecnico economico e tecnologico Giacomo Floriani (in viale dei Tigli a Riva) era in corso un saggio della scuola "Fusion art". "Ero seduto e curavo la musica e la regia del saggio - racconta Zanellato - e i calcinacci mi hanno preso in pieno, mi è venuto tutto addosso".

 

"Si è staccato tanto intonaco - ricorda - c'erano detriti dappertutto. Per fortuna non era un materiale pesantissimo e non è caduto da un'altezza enorme. Il mio banco con la consolle era infatti sotto una sorta di tunnel, alto circa un metro e mezzo".

 

Sono comunque stati attimi concitati: "Mi è caduto letteralmente in testa il soffitto, per fortuna ho preso solo una piccola botta in testa che non sento nemmeno. Lo spavento è stato per i bambini più piccoli soprattutto, per quelli di 5, 6, 7 anni (quelli di 13 anni capiscono già di più). Per loro è stato un grande spavento: la situazione era veramente brutta, sembrava che ci fosse il terremoto. Per fortuna tutto è caduto addosso a me che ho la pelle dura".

"Vicino a me c'erano anche alcune bambine che aspettavano di esibirsi" ricorda il dj. "Ad una - dice - è caduto addosso un calcinaccio". La piccola, lievemente ferita e spaventata, è stata accompagnata all'ospedale per accertamenti.

 

"Anche la mia consolle professionale, che avevo comprato da poco, ha subito qualche danno, ma per fortuna funziona. Diciamo che l'ho inaugurata bene" scherza Marco che spiega di essere stato lì in palestra "come l'anno scorso, per fare un favore agli amici della scuola, sono persone squisite".

 

"Poteva comunque andare peggio - dice ancora il dj - Se ad esempio i calcinacci fossero caduti da un'altezza maggiore. L'importante è che tutti stiano bene". Secondo Zanellato "era destino": "Chi poteva saperlo che sarebbe successo? La scuola è tenuta molto bene. Cose del genere non devono succedere, certo, ma purtroppo sono cose che possono anche accadere. Sarebbe stato meglio se fosse capitato di notte".

Immediatamente sul posto si sono portati carabinieri e vigili del fuoco: "Le forze dell'ordine sono arrivate subito, hanno messo la zona in sicurezza. Noi abbiamo spostato le bambine e potuto finire il saggio".

 

"Ok che siamo in Trentino e qui è tutto perfetto, ma l'accaduto deve comunque essere un campanello d'allarme - conclude Marco Zanellato - Stiamo parlando di scuole che quindi devono essere perfette perché ci sono i bambini".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 11:06

Gian Marco Prampolini, presidente Leal, e Natascia Pecorari, presidente di Salviamo gli Orsi della Luna, hanno fatto la richiesta agli atti e ottenuto il report della visita dei carabinieri di Costa dentro il Casteller: ''Stanno facendo vivere ai tre orsi un vero calvario. Temiamo per la loro vita e attendiamo fiduciosi che il Ministro Costa, che prima di noi ha ricevuto la relazione del sopralluogo dei Cites, faccia la sua parte e prenda provvedimenti previsti dalla legge''

01 ottobre - 12:26
Il conducente della vettura si è accorto di un po' di fumo uscire dalla parte anteriore del mezzo all'altezza di passo Cereda. In azione la macchina dei soccorsi
01 ottobre - 11:42

Il bollettino sulla situazione Coronavirus in Alto Adige segna nelle ultime 24 ore un incremento di 29 nuovi casi su 1734 tamponi. Sale a 3568 il numero di contagi da inizio epidemia, mentre quello dei decessi è fermo da tempo a 292. Dopo i 4 studenti infetti comunicati ieri dalla Provincia, le persone in isolamento e quarantena salgono a 1640

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato