Contenuto sponsorizzato

Un lavoro con uno stipendio di 200 euro a settimana più incentivi. E' una truffa, l'allarme della Polizia postale

Le fantomatiche offerte di lavoro arrivano nell’ambito della ricerca clienti per aziende che operano nel settore delle cryptovalute

Di Martino Brigadoi - 03 luglio 2019 - 09:07

BOLZANO. “Attenzione alle proposte di lavoro fasulle”, a lanciare l'allarme è stata la Polizia Postale e delle Comunicazioni di Bolzano dopo le segnalazioni frequenti che sono arrivate negli ultimi giorni e che sono relative a fantomatiche offerte di lavoro nell’ambito della ricerca clienti per aziende che operano nel settore delle cryptovalute.

 

Tali offerte giungono via mail con riferimenti alquanto generici, ma altrettanto ingannevoli ad un occhio ingenuo.

 

L’offerta di lavoro appare estremamente allettante e propone uno stipendio fisso di 200 euro a settimana, ai quali si aggiungerebbero alcuni incentivi per poche ore di lavoro che il malcapitato sembrerebbe poter svolgere tranquillamente a casa.

 

La Polizia Postale, per far fronte al problema, consiglia caldamente ai cittadini di prestare la massima attenzione, e di diffidare di tali offerte, dato che non sono riconducibili ad aziende conosciute e, con ogni probabilità, nascondono una truffa certa.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicale la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

29 settembre - 13:19

La rabbia dello studente che è stato sanzionato: "Prima si incentiva la micro-mobilità e si spingono i giovani ad investire in un futuro più sostenibile, ma poi si multa uno studente per l’utilizzo di un mezzo elettrico per spostamenti in città". Lo skateboard è stato parificato ad un ciclomotore e il ragazzo è stato multato per mancanza di targa, libretto di circolazione, assicurazione, mancato uso di casco e conduzione sul marciapiede

29 settembre - 12:45

Paolo Zanollo, delegato del Wwf per il Garda e sub: "In appena 200 metri di spiaggia ne abbiamo raccolte ben 30”. Rifiuti trovati anche nei canneti, preziosi ecosistemi di filtro naturale nel lago

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato