Contenuto sponsorizzato

''Una mongolfiera è caduta nel lago'' e vengono allertati i vigili del fuoco ma era solo un ''touch & go''

Due corpi (Levico e Caldonazzo) sono stati allertati per l'intervento di recupero ma nessuno era in difficoltà. Tutto era sotto controllo anche se una parte della superficie ghiacciata si è creapata

Foto scattata da Luca Margoni
Pubblicato il - 16 febbraio 2019 - 11:23

LEVICO. La chiamata è scattata intorno alle 9.30 sia per i vigili del fuoco di Levico che di Caldonazzo e dava una mongolfiera in chiara difficoltà che dopo aver perso quota rapidamente era andata a finire dentro al lago di Levico.

 

Subito i pompieri dei due corpi sono partiti per dirigersi sul posto per soccorrere i passeggeri dell'aeromobile ma in poco tempo è parso chiaro che il mezzo stava riprendendo quota per spostarsi senza alcuna problematica. 

Cos'era successo? Persone che stavano passeggiando sul lungo lago hanno notato la bella mongolfiera scendere rapidamente fino a posarsi sulla superficie del lago. Forse però non riuscivano a vedere che la cesta non era finita in acqua ma si era ''poggiata'' su una parte ancora ghiacciata dello specchio d'acqua. In realtà, poi, da una delle foto scattate da Luca Margoni, che ringraziamo, si nota che il ghiaccio sotto il peso della mongolfiera non è rimasto proprio stabile, ma si è crepato rischiando, quindi, di aprirsi (si può notare la crepa a destra del mezzo). 

 

 

Nulla di grave comunque. Nessuna paura. Il pallone ha ripreso quota per spostarsi verso altri lidi attraverso i cieli dell'Alta Valsugana.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato