Contenuto sponsorizzato

Una trentina di persone si sentono male in hotel, la causa è un virus intestinale

Il bollettino medico ha stabilito che si è trattato di un virus intestinale, trasmesso da alcuni ospiti che soggiornavano nella struttura da quattro giorni. Una serata particolarmente difficile in val Ridanna

Pubblicato il - 08 dicembre 2019 - 17:51

BOLZANO. Non sarebbe stata un'intossicazione alimentare ma un virus intestinale a colpire una trentina di ospiti dell’Hotel Schneeberg in val Ridanna.

 

E' l'ora di cena di sabato 8 dicembre, quando alcuni ospiti nella struttura ricettiva a quattro stelle hanno accusato dei sintomi di dissenteria. Una situazione precipitata nel giro di pochi minuti tra gravi disturbi e malessere di vario genere.

 

Anche se nessuno è stata in pericolo di vita, una trentina di persone sono state colpite hanno accusato sintomi molti seri. 

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanze, vigili del fuoco e carabinieri. L'equipe medica ha rapidamente allestito un posto di emergenza per gestire la situazione.

 

Dopo le prime cure, una ventina di persone sono state ricoverate negli ospedali di Bressanone e Vipiteno per ulteriori accertamenti e approfondimenti.

 

Nel frattempo, il bollettino medico ha stabilito che si è trattato di un virus intestinale, trasmesso da alcuni ospiti che soggiornavano nella struttura da quattro giorni.

 

L'ufficiale medico dell'Asl ha, infatti, confermato che non si è trattato di una intossicazione alimentare ma di un virus gastrointestinale e dalla serata di ieri non si sono più verificati altri casi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 12:31

Il leader carismatico della Lega ha provato il tutto per tutto in queste settimane di campagna elettorale cercando di raccattare anche l'ultimo voto tra citofoni, accuse di spaccio a negozianti, felpe di piloti morti, retorica del dolore (con Bibbiano che lo ha ripagato votando al 40% per il solo Pd). Ha schierato parlamentari e amministratori (anche trentini compreso il presidente della Provincia Fugatti), scattato e fatto scattare migliaia di selfie ma alla fine la gente ha riempito le urne 

27 gennaio - 15:50

Sabato scorso è arrivata da Roma la richiesta di istituire a livello locale una task force di coordinamento delle attività che si faccia carico, tra l'altro, anche della comunicazione relativa all’emergenza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato