Contenuto sponsorizzato

Va a pesca all'alba ma scivola nel bacino della diga. Paura per un anziano recuperato dal soccorso alpino

E' successo a San Colombano. L'uomo era andato con un amico a pesca ma è stato vittima di un incidente ed è caduto in acqua

Pubblicato il - 16 marzo 2019 - 11:24

ROVERETO. Paura, all'alba, a San Colombano quando un uomo è scivolato nel bacino della diga. L'uomo, un anziano di 77 anni, era andato lungo lo specchio d'acqua con un amico per pescare. I due si erano posizionati sul bordo lago quando all'improvviso l'anziano è scivolato precipitando nell'acqua. I bacini vicini alle dighe, si sa, non sempre sono sicuri tra scarichi di uscita e correnti quindi, immediatamente l'amico ha cercato di recuperare l'anziano caduto in acqua.

 

Non sicuro di farcela ha chiamato il 112 che ha mandato in loco i soccorsi e poi è riuscito ad aiutarlo a risalire. L'uomo, comunque, era in stato di shock e aveva riportato alcune contusioni. I due, tra l'altro si trovavano in un luogo impervio non semplice da raggiungere. Sul posto è stata, quindi, inviata una squadra di terra dell’Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino oltre a due ambulanze.

 

Il pescatore è stato imbarellato e portato con la barella portantina fino alla strada, dove lo aspettava uno dei mezzi di soccorso che lo ha trasportato all’ospedale di Rovereto per gli accertamenti medici. Fortunatamente non si è trattato di nulla di grave ma la paura è stata tanta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato