Contenuto sponsorizzato

Valanga in Val dei Mocheni. Sommerse varie persone ma riescono a riemergere dalla neve

Il distacco è successo nella zona compresa tra Frassilongo e Fierozzo (dove c'è grado ''marcato'' per quanto riguarda il pericolo slavine). Fortunatamente sono riuscite a riemergere dalla coltre di neve e non sono in pericolo. Soccorsi sul posto

Pubblicato il - 12 febbraio 2019 - 11:19

FIEROZZO. Sono stati sorpresi poco dopo le 10.30 da una valanga mentre si trovavano in località Prati Imperiali sopra l'abitato di Fierozzo. Si tratta di almeno cinque escursionisti che vista la bella giornata si sono avventurati in quelle zone che presentano, ancora oggi, un pericolo valanghe ''marcato''. Un grado3 (dei 5 previsti) che, visto anche il forte vento e le temperature piuttosto alte per la stagione, sconsigliava di avventurarsi sulle creste della Val dei Mocheni. Fortunatamente per loro il distacco non è stato di grande entità e quando la neve si è abbattuta su di loro lo ha fatto con forza ma senza sommergerli completamente.

 

I cinque, infatti, sono riusciti a riemergere autonomamente e ad uscire dalla coltre un po' acciaccati e doloranti ma senza essere nessuno in pericolo di vita. Sul posto è stato inviato subito l'elisoccorso per recarsi a quota 1.800 nella zona compresa tra Fierozzo e Frassilongo. Proprio in quell'area il servizio valanghe di Meteotrentino segnalava che il '' manto nevoso ha formato solo una sottile crosta da rigelo. Soprattutto nelle zone ombreggiate e riparate dal vento, nella parte basale del manto nevoso si trovano strati fragili a cristalli angolari. I rumori di "whum" e la formazione di fessure quando si calpesta la coltre di neve sono campanelli di allarme che rimandano a questo pericolo''.  

 

''Principalmente nelle zone in prossimità delle creste - aggiunge Meteotrentino - nel corso della giornata gli accumuli di neve ventata cresceranno ulteriormente. Essi dovrebbero essere evitati soprattutto sui pendii molto ripidi. Le valanghe asciutte possono in alcuni punti distaccarsi con un debole sovraccarico e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni. Ciò a tutte le esposizioni nelle zone in prossimità delle creste, nelle conche e nei canaloni. Le escursioni e le discese fuori pista richiedono esperienza nella valutazione del pericolo di valanghe e una prudente scelta dell'itinerario''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
29 novembre - 15:10

Dai primi fastidi alle settimane rinchiusa in casa. Ilaria, residente a Egna, racconta il suo viaggio nella lotta contro il Covid. Tra i più grandi ostacoli spiccano quelli mentali: "Mi sentivo psicologicamente demoralizzata perché credetemi, questa bestia prende tutto, pure la mente. Spero che la mia storia sia di aiuto a chi si trova nella mia stessa situazione"

29 novembre - 17:00

Una persona estratta dalla lamiere dell’auto con le pinze idrauliche. Il ferito trasportato in codice rosso all’ospedale. Sul posto sanitari vigili del fuoco e forze dell’ordine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato