Contenuto sponsorizzato

Viaggiavano senza assicurazione e in macchina avevano cacciaviti, forbici e una bomboletta spray al peperoncino non a norma

Alla richiesta di esibire la carta di circolazione, gli agenti hanno visto sporgere dal vano portaoggetti un cacciavite e una forbice di grandi dimensioni. Considerato l'aumento di furti in appartamento, gli attrezzi trovati e il comportamento sospetto delle due donne, gli agenti hanno compiuto alcune verifiche, scoprendo che entrambe le donne avevano una lunga serie di precedenti per reati contro il patrimonio

Pubblicato il - 01 febbraio 2019 - 13:36

TRENTO. Viaggiavano senza assicurazione da oltre sei mesi e all'interno dell'auto tenevano cacciaviti, forbici di grande dimensioni e in borsa anche una bomboletta di spray al peperoncino non a norma. A finire nei guai sono state due donne fermate ieri alla guida di un auto da una pattuglia impegnata nel servizio di polizia stradale.

 

In un primo momento dal controllo è emerso che l'auto era di proprietà di un uomo residente a Torino ed era priva di copertura assicurativa da oltre sei mesi; inoltre la conducente non aveva con sé la patente di guida.

 

Le due donne, entrambe di origini croate ma domiciliate a Torino, alle domande degli agenti hanno fornito indicazioni vaghe e contraddittorie sulle ragioni della loro presenza sul territorio comunale. Già insospettiti, gli agenti della polizia locale si sono allarmati quando, in seguito alla richiesta di esibire la carta di circolazione, hanno visto sporgere dal vano portaoggetti un cacciavite e una forbice di grandi dimensioni.

 

Visti i furti ad appartamenti avvenuti ultimamente, gli agenti hanno compiuto alcune verifiche, scoprendo che entrambe le donne avevano una lunga serie di precedenti per reati contro il patrimonio. Con l'ausilio di una pattuglia della Polizia, intervenuta a supporto, il veicolo è stato sottoposto a perquisizione.

 

Nel veicolo sono stati trovati cinque cacciaviti lunghi circa 35 cm, una grossa forbice, una chiave inglese e due paia di guanti.

 

Condotte in Questura le due donne sono state sottoposte a perquisizione e a foto segnalamento, in quanto sussistevano dei dubbi sui documenti di identità esibiti. Nella borsetta della conducente è stata trovata una bomboletta spray al peperoncino, priva di scritte in italiano, senza sistema di sicura e con una gittata superiore a quella prevista dalla vigente normativa.

 

Tali difformità la rendono equivalente ad un'arma che non può essere detenuta in assenza di autorizzazione, per cui la donna è stata denunciata a piede libero per porto abusivo d'arma. Entrambe sono state segnalate all'Autorità Giudiziaria per il possesso ingiustificato, da parte di persone già condannate per reati specifici, di strumenti atti ad aprire o forzare serrature.

 

Il veicolo è stato posto sotto sequestro e alla conducente sono state contestate le violazioni al codice della strada per la circolazione con veicolo privo di copertura assicurativa (868 euro), per il rifiuto a prendere in custodia il veicolo (1.875 euro) e per guida senza avere con sé la patente (26 euro).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 11:15

Anche Trento si è svegliata tappezzata dai manifesti delle "Mascherine tricolori". L'obiettivo, questa volta, è Amazon. Tra inviti a sostenere i commercianti locali e a boicottare il colosso dell'e-commerce, in messaggi intrisi di nazionalismo e cospirazionismo, dietro c'è sempre l'estrema destra

28 novembre - 09:38

Ieri la Cassazione ha confermato la sentenza di primo grado con l'ergastolo a Vincenzo Virga ritenuto mandante dell'uccisione del giornalista ma è stato assolto Vito Mazzara

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato