Contenuto sponsorizzato

Vuole andare al Brennero ma il navigatore lo tradisce e rimane con il tir bloccato in una stradina

E' successo la scorsa mattina nel bresciano. L'autista è stato poi aiutato nella retromarcia dai vigili del fuoco e dai carabinieri 

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 08 dicembre 2019 - 11:22

BRESCIA. Probabilmente il navigatore impostato male e comunque di certo qualcosa non è andato per il verso giusto.

 

Un autotrasportatore ucraino che si stava dirigendo verso il Brennero utilizzando delle strade secondarie è rimasto invece, di prima mattina, alle 6:30, incastrato lungo una stretta stradina in località Pezzo, nel bresciano.

 

La strada non era certamente adatta per il transito di un autoarticolato simile. Vedendo di non riuscire a proseguire ha chiesto aiuto e sul posto si sono portati i vigili del fuoco del luogo assieme ai Carabinieri.

 

L'autista è stato aiutato a fare retromarcia per circa un chilometro per poi riuscire a girarsi e a riprendere il proprio viaggi. Non sono mancati gli scatti degli abitanti che hanno immortalato il grande mezzo articolato bloccato nella piccola strada. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato