Contenuto sponsorizzato

A Vigo e Pozza di Fassa manca l’acqua potabile, emanata l’ordinanza che obbliga a bollire l’acqua

La segnalazione è partita dall’Apsp di Vigo di Fassa, mentre il comune si è immediatamente attivato per effettuare delle nuove verifiche. In attesa dei risultati, prima di utilizzare l’acqua per scopi alimentari sarà necessario bollirla  

Pubblicato il - 17 febbraio 2020 - 20:02

SAN GIOVANNI DI FASSA-SÈN JAN. La comunicazione è arrivata direttamente dall’Azienda Pubblica di Servizi alla persona di Vigo di Fassa dove si afferma che ci sono delle anomalie nell’acqua tanto da costringere il sindaco di San Giovanni di Fassa, Giulio Florian, ad emanare un’apposita ordinanza.

 

Le analisi condotte per conto della Cir Food, che gestisce la somministrazione dei pasti della Ciasa de Pausa e delle mense scolastiche delle frazioni di Vigo e Pozza di Fassa, in queste utenze, servite dall’acquedotto comunale di Sojal, sono stati ottenuti dei risultati non conformi ai limiti di legge.

 

Il comune si è immediatamente attivato per effettuare delle nuove verifiche ai serbatoi, dei campioni sono stati prelevati e inviati al laboratorio per le controanalisi che dovranno accertare la qualità dell’acqua ad uso potabile.

 

In attesa dei nuovi risultati, in via cautelativa è stata emanata un’ordinanza, che rende necessario bollire l’acqua potabile prima di usarla per scopi alimentari, l’ordine riguarda tutte le utenze servite dall’acquedotto comunale di Sojal. Si ricorda che un’ordinanza simile era stata emanata anche nell’agosto del 2019.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 20:30

Se le incertezze sono tante, tantissime, e il momento è delicato per l'emergenza Covid-19, le parole del presidente Maurizio Fugatti non aiutano a chiarire nulla o quasi. Non si capisce il senso di una conferenza stampa convocata in questo modo e di questo tenore per spiegare quanto succede in Trentino alla luce dell'ultimo Dpcm del premier Giuseppe Conte

25 ottobre - 20:07

Sono state poi registrate 12 positività tra bambini e ragazzi in età scolare e sono in corso le verifiche per procedere alla quarantena di altre classi, che attualmente riguarda 122 unità

25 ottobre - 19:16

La Provincia di Bolzano ha emesso una nuova ordinanza con valenza da lunedì 26 ottobre a martedì 24 novembre: bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con gli orari attuali ma nuove restrizioni, mentre nelle scuole la didattica a distanza sarà portata solo nelle superiori al 50%. La misura più dura riguarda però il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questo arco di tempo non ci si potrà muovere dal proprio domicilio se non muniti di autocertificazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato