Contenuto sponsorizzato

“Aiutateci a ritrovarla”, ancora nessuna traccia di Ilaria Matteucci, la donna è scomparsa da una settimana

Continuano senza sosta le ricerche della donna scomparsa da una settimana. I soccorritori hanno messo a disposizione un numero d’emergenza 0471 954128

Pubblicato il - 17 febbraio 2020 - 10:23

VADENA. È ormai da più di sette giorni che non si hanno più notizie di Ilaria Matteucci, scomparsa in Alto Adige lo scorso lunedì, 10 febbraio.

 

Fin da subito le ricerche si sono concentrate nell’area di Vadena, territorio comunale ai piedi del Monte di Mezzo e nelle vicinanze tra la confluenza di Isarco e Adige. L'abitato si trova a pochi chilometri a sud di Bolzano, quindi a ovest di Laives e Bronzolo.

 

 

Si cerca soprattutto su strade e sentieri della zona, ma anche lungo i corsi d’acqua. Nei giorni scorsi era pervenuta ai soccorritori una segnalazione dalla zona del comune di Appiano. Purtroppo, però le verifiche non hanno dato riscontri positivi e la donna non è stata trovata.

 

Al momento sono impegnati nelle ricerche i vigili del fuoco di Vadena e il corpo di Laives, i sommozzatori dei pompieri e le unità cinofile. Anche i carabinieri sono attivi per trovare Matteucci e sono a disposizione al numero 0471 954128 per eventuali segnalazioni che possano aiutare e agevolare le ricerche per ritrovare la donna scomparsa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 04:01

Lo studio esclusivo condotto da 4 università (fra cui Trento) e dal Policlinico San Matteo di Pavia mostra cosa accadrà se le misure dell’ultimo Dpcm non dovessero frenare i contagi: “La crescita esponenziale dei positivi trascinerà con sé quella delle terapie intensive e dei decessi, le strutture sanitarie saranno messe in ginocchio

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 36.437 nuovi casi e 244 decessi. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato