Contenuto sponsorizzato

Alcuni ragazzini giocano con le ''stelline scintillanti'' e divampa un rogo, fienile distrutto e un 48enne ustionato

Un intervento reso difficile dalla siccità, ma soprattutto dal vento che ha alimentato il fuoco, così come dalla necessità di evitare che il fronte delle fiamme si propagasse all'edificio poco lontano oppure alla vicina pineta. In azione nel bresciano i corpi di Bondone, Condino, Pieve di Bono e Storo

Pubblicato il - 10 febbraio 2020 - 15:54

TREVISO BRESCIANO. Sarebbero stati alcuni ragazzini intenti a giocare a scatenare il rogo che ha distrutto un fienile in provincia di Brescia. Un'operazione che ha visto il massiccio coinvolgimento anche di alcuni corpi dei vigili del fuoco del Trentino.

 

Un intervento reso difficile dalla siccità, ma soprattutto dal vento che ha alimentato il fuoco, così come dalla necessità di evitare che il fronte delle fiamme si propagasse all'edificio poco lontano oppure alla vicina pineta.

Un 48enne è rimasto leggermente ustionato alle braccia nel tentativo, riuscito, di salvare un trattore custodito all'interno del fienile che è andato praticamente distrutto.

 

L'allerta è scattata intorno alle 16.30 di domenica 9 febbraio sulle montagne di Vico, frazione di Treviso Bresciano, quando la tettoia di un fienile è stato avvolto dalle fiamme. Secondo le prime ricostruzioni, alcuni ragazzini stavano giocando vicino al fienile con alcune "stelline scintillanti" (un materiale pirotecnico) mentre gli adulti erano in casa.

 

Qualche scintilla è scappata e complice il terreno molto secco e il vento, l'incendio si è sviluppato rapidamente. Il rogo poi è stato ulteriormente alimentato dalla presenze di fieno nel sottotetto dell'edificio.

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, i vigili del fuoco di Vestone e la Protezione civile del distaccamento di Salò, quindi si sono portati in Lombardia diversi corpi dei pompieri di confine, quali Bondone, CondinoPieve di Bono e Storo.

 

I vigili del fuoco hanno isolato e messo in sicurezza l'area, quindi hanno avviato le operazioni di spegnimento. Un'attività anche di contenimento per cercare di evitare che alcune scintille scappassero e si propagassero alla vicina pineta. 

 

Un intervento complicato e reso difficile anche per la zona un po' isolata e impervia. Il fienile è andato distrutto, così come alcuni mezzi agricoli, mentre un 48enne, come anticipato, si è ustionato per salvare un trattore. E' stato ricoverato all'ospedale di Gavardo per gli accertamenti e gli approfondimenti del caso. 

Una volta spento il rogo, i pompieri hanno avviato la bonifica e lo smassamento del materiale incendiato, ma anche verificato che non ci fossero eventuali focolai pronti a ripartire.

 

Un'operazione lunga che si è conclusa dopo quasi quattro ore di intervento. La ricostruzione dell'esatta dinamica dell'evento è affidata ai carabinieri e ai vigili del fuoco che hanno effettuato i rilievi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato