Contenuto sponsorizzato

Ancora sospesa la Trento-Malè, si viaggia sui bus. Riaprono la maggior parte delle strade

Le corse del treno sulla tratta della Trento-Malè vengono rimpiazzati dai bus, rispettando i medesimi orari. Si precisa che il trasporto di biciclette (sugli autobus sostitutivi) è sospeso, così come è temporaneamente bloccato il trasporto di comitive. Riaperte al traffico tutte le arterie interessate da allagamenti e smottamenti in seguito alle intense precipitazioni del weekend

Pubblicato il - 01 September 2020 - 17:57

TRENTO. La linea ferroviaria Trento-Malè-Mezzana rimane chiusa fino a lunedì 7 settembre compreso. Tutte le corse del treno previste sono sostituite dagli autobus. Ci sono ancora strascichi a causa dell'intensa ondata di maltempo di quest'ultimo weekend. 

 

Sono bastati 100 secondi di grandine per devastare oltre 300 ettari di meleti sulla Destra Adige, una produzione annuale dimezzata, 27 quelli di vigne, con zone di pregio compromesse (Qui articolo), poi la concentrazione si è spostata sui fiumi, Adige e Sarca in particolare (Qui articolo). L'allerta è passata, ma non si escludono altri problemi localizzati sulla rete viaria, come nel caso della Trento-Malè con un convoglio del treno colpito da una colata detritica (Qui articolo) oppure per frane e smottamenti.

 

Le corse del treno sulla tratta della Trento-Malè vengono rimpiazzati dai bus, rispettando i medesimi orari. Si precisa che il trasporto di biciclette (sugli autobus sostitutivi) è sospeso, così come è temporaneamente bloccato il trasporto di comitive. Fino a domenica 6 settembre rimane attivo il servizio BikeBus tra Mostizzolo e Mezzana (Qui elenco delle fermate sostitutive). Trentino trasporti si scusa per i possibili disagi. 

 

Nel frattempo sono state riaperte al traffico tutte le arterie interessate da allagamenti e smottamenti in seguito alle intense precipitazioni del weekend. La comunicazione è arrivata dal Servizio gestione strade della Provincia di Trento, che ha operato sull'intero territorio provinciale in sinergia con il Dipartimento di protezione civile per garantire la sicurezza dei cittadini e la percorribilità delle strade, dalle valli alla città.

 

Lunedì sera è avvenuta la riapertura della galleria di Chiusole, nel comune di Pomarolo - nel tratto della strada provinciale 90 dal chilometro 8,3 al 9,3 - e la strada statale di Passo Fedaia tra località diga e il confine con la provincia di Belluno. Questa mattina sono tornate percorribili anche la strada provinciale 90 primo tronco, in direzione di Borghetto nel comune di Avio, dove l'acqua aveva invaso il sottopasso e la strada provinciale 24 tra Casez e Dambel in val di Non che era stata invasa da una colata di materiale dalla scarpata a monte.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 aprile - 09:45
Sono 1.367 le persone attualmente contagiate in Trentino. Sono 21 i territori con 1 persona attualmente positiva. Registrate 130 guarigioni dal [...]
Cronaca
19 aprile - 06:01
Il meteo per questa settimana dovrebbe tenere, Peterlana: "Il bel tempo è fondamentale". Resta consentita la possibilità di accogliere i [...]
Cronaca
19 aprile - 08:30
Mieli Thun: “Siamo tutti certi che Andrea è e sarà in ogni ape che ci circonda, in ogni elemento della natura e in ogni respiro vitale che [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato