Contenuto sponsorizzato

Arrestato il titolare di un noto ristorante di Cavalese, è stato trovato con delle dosi di cocaina

L'operazione dei carabinieri della compagnia di Cavalese, l'uomo è stato fermato per un controllo durante la notte ed è stato trovato in possesso della sostanza stupefacente. Perquisiti anche l'abitazione e il ristorante 

Pubblicato il - 13 novembre 2020 - 16:16

TRENTO. Fermato dai carabinieri e trovato in possesso di cocaina. A finire nei guai la notte scorsa è stato il titolare di un noto ristorante di Cavalese.

 

Il 50enne è stato intercettato dai controlli dei carabinieri attivati lungo le vie secondarie che collegano la provincia di Trento a quella di Bolzano e provenendo dal Passo Lavazè, alla guida della propria auto. E' stato fermato mentre rientrava in valle.

 

Durante il controllo, la sua reazione ha indotto i militari ad approfondire le verifiche e infatti, dopo un’accurata perquisizione personale, sono stati rinvenuti due involucri avvolti nel cellophane, con 22 grammi di cocaina, evidentemente non compatibili con il uso personale.

 

Le perquisizioni estese anche al domicilio e all’esercizio pubblico, gestito dall’arrestato, è stata rinvenuta e sequestrata una bilancia digitale di precisione, conservata in un ripostiglio, verosimilmente utilizzata per la pesatura della sostanza stupefacente.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato