Contenuto sponsorizzato

Arriva una violenta ondata di maltempo (con vento e forti piogge). Già annullata la AdigeMarathon per l'onda di piena attesa per domenica

In Trentino allerta gialla e arancione. In Veneto allerta rossa per il bacino del Piave e gialla per i bacini Adige-Garda-Monti Lessini. Il momento peggiore tra questa notte e sabato mattina

Foto archivio
Di L.P. - 02 ottobre 2020 - 11:09

TRENTO. Allerta gialla e arancione in Trentino e addirittura in Veneto c'è chi teme possa verificarsi una nuova Vaia. Sul Gazzettino di oggi che titola ''Maltempo in arrivo: torna lo spettro di Vaia'' si lancia l'allarme spiegando che per questo fine settimana sono previste piogge e venti in misura simile a quelli che avevano sconvolto le montagne e le vallate del Nord Est esattamente due anni fa. Nella speranza che così non sia intanto è stata annullata l'AdigeMarathon che era in programma domenica. 

 

''Causa l’allerta meteo che vede coinvolte le aree del bacino idrografico del fiume Adige e le abbondanti piogge che stanno coinvolgendo la medesima area - ha spiegato il presidente del Canoa Club Pescantina e commissario tecnico della nazionale di canoa fluviale Vladi Panato - sentiti i responsabili degli impianti idroelettrici del fiume Adige, essendo attesa per domenica 4 ottobre l’ondata di piena nel tratto della manifestazione, abbiamo deciso, seppure a malincuore, di annullare la manifestazione per l’impossibilità di garantire la sicurezza dei partecipanti''. 

 

D'altronde l'allerta per venerdì sera, sabato e domenica è molto concreta. La protezione civile del Trentino comunica che la fase più intensa è prevista nella notte tra venerdì e sabato e nella mattinata successiva. Si attendono precipitazioni complessive attorno ai 70-100 millimetri, con punte localmente superiori ai 150 millimetri. Il limite delle nevicate si prevede sarà mediamente oltre i 2600 metri, in calo a 1800 metri circa a fine evento. Domenica e lunedì permarrà una fase di tempo instabile con ulteriori precipitazioni, per 30-50 millimetri complessivi, nevose mediamente oltre i 1800 metri circa e localmente a quote inferiori.

 

La Protezione civile del Trentino ha emesso un avviso di allerta ordinaria (gialla) e moderata (arancione). In particolare l’allerta è ordinaria (gialla) dalle 00:00 alle 24 di venerdì 2 ottobre, moderata (arancione) dalle 00:00 di sabato 3 ottobre alle 6 di domenica 4 ottobre e nuovamente ordinaria (gialla) dalle 6 di domenica 4 ottobre alle 24 di lunedì 5 ottobre 2020.

 

Per quanto riguarda il vicino Veneto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione ha diramato un avviso di criticità idrogeologica e idraulica, dichiarando lo Stato di Attenzione, di Preallarme e di Allarme in diversi bacini idrografici a partire dalle 12 di oggi, venerdì 2 ottobre, fino alle 24 di sabato 4 ottobre. Per domani, è previsto tempo perturbato con precipitazioni in progressiva estensione e intensificazione sulle zone centro-settentrionali della regione, anche con rovesci e fenomeni che tenderanno a divenire forti e persistenti soprattutto su Prealpi e Dolomiti meridionali. La fase più intensa delle precipitazioni è attesa tra il pomeriggio/sera di domani e la prima parte di sabato. Nel pomeriggio-sera di sabato le precipitazioni tenderanno a diradarsi.

Lo Stato di Allarme (allerta rossa) per criticità idrogeologica è dichiarato sul bacino Piave Pedemontano, dove è dichiarato anche lo Stato di Preallarme (allerta arancione) per criticità idraulica sulla rete principale. Stato di Attenzione (allerta gialla) per criticità idrogeologica è dichiarato sui bacini Adige-Garda-Monti Lessini; Basso Brenta-Bacchiglione; Basso Piave-Sile e Bacino Scolante in Laguna; Livenza-Lemene-Tagliamento. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato