Contenuto sponsorizzato

Auto sbanda e finisce in bilico in un canale, a bordo anche un bimbo di 15 mesi

E' successo la notte tra sabato 1 e domenica 2 febbraio vicino a Schio. Le tre persone a bordo della vettura, fortunatamente, hanno riportato solo ferite lievi

Pubblicato il - 02 febbraio 2020 - 16:01

SCHIO. I vigili del fuoco di Schio sono intervenuti la notte tra sabato 1 e domenica 2 febbraio, poco dopo mezzanotte, per un'auto uscita di strada nel comune di Carrè.

 

La vettura, per cause ancora in via di accertamento, è sbandata ed è uscita dalla carreggiata finendo in bilico in un canale che si trova a bordo strada. Fortunatamente i passeggeri hanno riportato solo ferite lievi. Tra i feriti c'è anche un bambino di 15 mesi che i vigili del fuoco hanno estratto dall'abitacolo facendolo uscire dal finestrino.

 

I genitori, invece, sono usciti dal bagagliaio. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, si sono portati anche i sanitari che hanno prestato le prime cure ai feriti.

 

La zona è stata isolata e messa in sicurezza e le forze dell'ordine si sono occupate dei rilievi del caso per ricostruire la dinamica dell'incidente. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 09:39

Attorno alle 9 una densa colonna di fumo si è alzata da una casa. Le fiamme hanno avvolto il tetto di un'abitazione a Verla di Giovo, in Val di Cembra. Sul luogo diversi corpi dei vigili del fuoco per domare l'incendio

20 ottobre - 09:09

A causa dell'auto incidentata, rimasta bloccata sulla carreggiata, lungo la strada statale 47 della Valsugana si sono formate lunghe code, i mezzi procedono a passo d’uomo. C’è anche un ferito trasportato in ambulanza all’ospedale

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato