Contenuto sponsorizzato

Coca-Cola, possibili filamenti di vetro nelle bottigliette. Il Ministero richiama alcuni lotti

L'avviso è arrivato dal Ministero della Salute. Si invitano i cittadini a "verificare il numero di lotto riportato sul collo della bottiglia"

Pubblicato il - 19 febbraio 2020 - 11:52

TRENTO. Il ministero della Salute ha diramato una nota per il richiamo di alcuni lotti di Coca-Cola in bottiglia. La causa è la possibile presenza di filamenti di vetro.

 

L'avviso di richiamo è arrivato dall'azienda per "possibile presenza di corpi estranei (filamenti di vetro)".

 

I lotti interessati dal richiamo del prodotto “Coca-Cola Original Taste”, prodotto da Coca-Cola HBC Italia Srl nello stabilimento di Nogara, in provincia di Verona. Il primo riguarda il lotto L191219, ovvero bottigliette in vetro da 20cl in confezione da sei pezzi e con scadenza 18/12/2020. Altro lotto coinvolto, sempre del medesimo prodotto in bottigliette da sei pezzi, è l’L191218 con scadenza 17/12/2020. Terzo lotto in questione, questa volta si tratta di Coca-Cola Zero: il lotto L200109 con scadenza 10/07/2020 appartiene sempre alla stessa categoria, cioè le confezioni da sei pezzi di bottigliette in vetro da 20cl ciascuna.

 

"Vi invitiamo - si legge sul sito del ministero, che ha pubblicato l'avviso di richiamo da parte dell'azienda - a verificare il numero di lotto riportato sul collo della bottiglia: qualora corrispondesse a quelli coinvolti, vi invitiamo a non consumare la bevanda e contattare il nostro numero verde per provvedere alla sostituzione (numero verde 800.534.934)".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato