Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, aggredisce i carabinieri dopo essere stato fermato per un controllo e trovato con della marijuana

E' successo a Bolzano e il 29enne in un primo momento ha cercato di scappare ma poi stato bloccato

Pubblicato il - 22 marzo 2020 - 10:13

BOLZANO. Proseguono senza sosta i controlli da parte dei militari della Compagnia dei Carabinieri di Bolzano, sull’applicazione dei precetti e dei divieti volti a prevenire la diffusione della Covid-19.

 

Nel corso di un pattugliamento è stato fermato per un controllo un ventinovenne gambiano a cui è stato chiesto un documento d’identità.

 

Il giovane, dopo aver visto avvicinarsi le forze dell'ordine, è scappato e contemporaneamente ha gettato qualcosa da un ponte. Bloccato dopo un breve sprint, ha aggredito i militari che però in poco tempo sono riusciti a immobilizzarlo.

 

Da sotto il ponte, grazie anche all’aiuto dei vigili del fuoco di Bolzano, è stato recuperato un involucro contenente sette dosi di marijuana. L’uomo aveva anche novanta euro in contanti di piccolo taglio. Droga e soldi sono stati sottoposti a sequestro.

 

L’arrestato, accusato dei reati di resistenza a pubblico ufficiale e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, è stato sottoposto ai consueti rilievi foto-dattiloscopici e poi associato al carcere di Bolzano, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 04:01

In queste ore i vertici dell'Ordine dei medici sono scesi in campo per evidenziare preoccupazioni, riportare perplessità e criticità del sistema, ma anche proposte per migliorare la situazione in questa fase delicata della seconda ondata di Covid-19. Un settore attenzionato è quello delle Rsa

28 ottobre - 08:43

I contagi sarebbero partiti da almeno due pazienti che erano “sfuggiti” alle maglie dei controlli perché negativi al primo tampone. Fra infermieri e oss ci sono 12 sanitari positivi, anche alcuni pazienti fra i contagiati. Nel frattempo sono state disposte una serie di sanificazioni straordinarie

27 ottobre - 19:32

I ristoranti dolomitici tirano un sospiro di sollievo con la proroga che sposta dalle 20 alle 22 la chiusura delle cucine e chiedono alla loro clientela di anticipare l’arrivo ai tavoli. Alfio Ghezzi: "Dobbiamo crederci, far vedere agli ospiti che noi siamo operativi, pronti a soddisfare le esigenze e che lo facciamo in assoluta garanzia sanitaria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato