Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, allarme incendi sui balconi: tra le cause l'uso delle candele di ringraziamento e la frequentazione maggiore

A lanciare l'allarme sono stati i vigili del fuoco di Bolzano. Rispetto al 2019 i casi sono più che raddoppiati

Pubblicato il - 28 marzo 2020 - 07:53

BOLZANO. Allarme incendi sui balconi. La scorsa settimana, nell’ambito degli interventi il Corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Bolzano ha registrato un notevole aumento di incendi sui balconi.

 

I casi che si sono verificati, è stato spiegato, sono più che raddoppiati rispetto allo stesso periodo del 2019. Da una parte, è stato spiegato, ciò si può ricondurre al fatto che, in seguito alle ordinanze relative al contenimento del Coronavirus, rimangono in casa molte più persone del solito; dall’altra, potrebbero aver contribuito anche i numerosi appelli alla popolazione ad accendere candele su balconi e davanzali in segno di solidarietà e ringraziamento.

 

Nella gestione dei fuochi all’aperto è importante seguire sempre alcune regole. Le candele accese non vanno mai lasciate incustodite, nemmeno all’aperto.

 

Le sigarette fumate sul balcone devono essere spente accuratamente e buttate in idonei portacenere chiudibili, in modo da non essere spazzate fuori dal vento. Le fioriere contenenti torba non devono nella maniera più assoluta essere utilizzate come portacenere, perché la torba è l'ambiente ideale per lo sviluppo d'incendi covanti, che generano le fiamme anche a distanza di qualche ora.

 

I balconi vengono spesso usati come deposito temporaneo di materiali vari, come ad esempio, vecchi giornali, plastica o materiali da imballaggio, che sono facilmente incendiabili: poiché in queste settimane questi non possono essere smaltiti come al solito nelle isole ecologiche, a fronte di un consistente deposito è richiesta attenzione ancora maggiore in presenza di fuochi all’aperto.

 

Nei mesi invernali, succede spesso che la cenere delle stufe a legna venga depositata sul balcone in contenitori inadeguati, come scatole di cartone o secchi in plastica. Si consiglia di utilizzare a questo scopo contenitori ignifughi, come ad esempio secchi metallici con il coperchio. La cenere può contenere brace che anche a distanza di 48 ore può causare un incendio”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 aprile - 16:05
Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie segnala che il tasso di positività a Trento è superiore al 4%, situazione [...]
Cronaca
15 aprile - 18:47
L'ufficialità è arrivata in queste ore e così dalle 23 di domani sera, 16 aprile, l'Apss permetterà anche alla fascia di età 65-69 anni di [...]
Economia
15 aprile - 16:20
I segretari di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl del Trentino Diaspro, Pallanch, Tomasi e Varagone: “Si è ormai raggiunto il colmo e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato