Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, altri 2 decessi nel Bellunese (due donne di 89 e 66 anni). L'appello: ''Servono infermieri. Per quelli in pensione sarà snellita la procedura''

Anche in provincia di Belluno il virus sta tornando a mietere vittime e i contagi restano alti (oggi sono 31 i nuovi positivi). Per quanto riguarda le scuole a stamane le classi impegnate con casi di positività erano complessivamente 38, molte relative alla zona Comelico-Cadore-Ampezzano e stanno rendendo necessario un forte potenziamento dell’offerta tamponi a Tai di Cadore

Di Luca Pianesi - 13 ottobre 2020 - 18:58

BELLUNO. Sono 31 i nuovi casi emersi nel Bellunese nelle ultime 24 ore e due sono i pazienti Covid deceduti. Questo il tragico bilancio odierno per quanto riguarda l'evoluzione del contagio in provincia di Belluno. Una situazione che continua a restare molto complicata e che, quindi, spinge l'Ulss Dolomiti 1 a cercare l'aiuto di nuovi infermieri.

 

''L’Ulss Dolomiti cerca infermieri in libera professione per l’emergenza Covid - comunica il direttore generale Adriano Rasi Caldogno -. Per gli infermieri in pensione snellimento della procedura di iscrizione all’albo in collaborazione con Ordine delle Professioni Infermieristiche della Provincia di Belluno. Nell’ambito delle azioni per fronteggiare l’emergenza Covid, l’Ulss Dolomiti ricorda che è aperto un bando per la formazione di elenchi di infermieri disponibili ad assumere incarichi di natura libero professionale. I requisiti richiesti sono la laurea infermieristica e l’iscrizione all’albo''.

 

Insomma come avvenuto a marzo si torna a cercare professionisti nell'ambito sanitario. Sei mesi fa il Governo aveva predisposto la possibilità di attuare procedure di snellimento amministrativo e burocratico per i sanitari in pensione, che volessero rimettersi a disposizione delle Aziende Sanitarie. Ora, ''stante il perdurare dell’emergenza in essere e la sua recrudescenza - spiega il dg dell'Ulss 1 -, l’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Belluno mette a disposizione degli Infermieri pensionati, che volessero riprendere l’attività lavorativa in sostegno alla contingenza emergenziale, una semplice autocertificazione, scaricabile dal sito dell’Ordine (www.opibelluno.it). All’atto della ricezione e verificati i requisiti l’Ordine provvederà senza alcun onere, alla nuova iscrizione dell’Infermiere''.

 

Rasi Caldogno spiega che l’iscrizione, effettuata d’ufficio, verrà comunicata all’interessato in tempi brevissimi e dovrà essere intesa a tempo determinato, secondo quanto previsto dalla norma vigente (per saperne di più: https://bit.ly/3iWZOy1). Intanto la situazione per la giornata odierna in provincia di Belluno vede 31 nuove positività la cui metà, circa, sono riferite a controlli effettuati seguendo le positività in tre centri servizi del territorio. Per il resto della casistica un solo caso è riferito ai vecchi focolai dei Comuni del Comelico e 8 all’area del Cadore. Per quanto riguarda le scuole a stamane le classi impegnate con casi di positività erano complessivamente 38, molte relative alla zona Comelico-Cadore-Ampezzano e stanno rendendo necessario un forte potenziamento dell’offerta tamponi a Tai di Cadore.

 

Purtroppo continuano a contarsi i decessi. ''Nella notte tra il 12 e 13 ottobre - completa il direttore generale dell'Ulss 1- è deceduta una paziente covid positiva di 89 anni ricoverata in Pneumologia Covid a Belluno e nella mattinata del 13 ottobre è deceduta una paziente covid positiva di 66 anni ricoverata in terapia intensiva. La direzione porge le condoglianze alle famiglie''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato